| categoria: Roma e Lazio

Niente carcere per Franco Fiorito

Niente carcere per Franco Fiorito: Batman può tornare in politicaPotrà organizzarsi la vita serenamente. E riaffacciarsi in politica. Niente carcere per Franco Fiorito. La Spazzacorrotti lo lascia fuori. La nuova legge anticorruzione non sarà applicata al Batman di Anagni, l’uomo disegnato come simbolo delle ruberie anni duemila per aver messo in tasca, nel biennio 2010-2012, un milione e 200mila euro destinati al Pdl alla Regione Lazio, di cui era capogruppo, e di recente condannato per peculato alla pena definitiva di 2 anni, 11 mesi e 15 giorni di reclusione. La pena già sospesa resterà tale. E per l’emblema di Rimborsopoli il capitolo carcere non si riaffaccerà più, nonostante la condanna definitiva.
La Spazzacorrotti, insomma, non spazza tutto. La procura generale della corte d’appello di Roma, almeno, ha ritenuto che non debba essere utilizzata per Fiorito. E ha applicato la vecchia legge del regolamento penitenziario che di fronte a pene inferiori ai 4 anni sospendeva la condanna al carcere in favore dell’affidamento ai servizi sociali. Mentre la Cassazione, come principio generale, sosteneva che le sospensioni degli ordini di carcerazioni potessero essere riviste retroattivamente. Insomma la novità, di primo acchito, non è un caso di scuola. Anche se il caso cozza a pieno con la Spazzacorrotti, ideata tra l’altro, per spedire in carcere tutti i corrotti, anche coloro che grazie a riti alternativi, se la fossero cavata con pene minori ai 4 anni. Franco Fiorito insomma non è un graziato. È libero secondo legge. La sua condanna è stata sospesa, la nuova legge non è applicabile e nessuno ha ancora disposto l’affidamento ai servizi sociali che dovrebbe chiudere questo capitolo della sua vita. Per il legale storico di Fiorito nessuno stupore, quindi. «Franco Fiorito fuori dal carcere? Che c’è di anormale?» puntualizza l’avvocato Carlo Taormina, «mica il suo provvedimento è ad personam. E’ solo la conseguenza del fatto che la sospensione dell’ordine di carcerazione sia stata disposta prima dell’entrata in vigore della Spazzacorrotti. Semmai si attende che la questione venga presa in considerazione dalla Cassazione».

Le motivazioni della condanna di Cassazione sono state depositate a gennaio. «I giudici – si legge hanno accertato la responsabilità dell’imputato, in relazione alle ripetute operazioni di bonifico bancario disposte da un conto corrente intestato al gruppo consiliare regionale del Popolo della libertà». «Conto – si precisa – dove confluivano i contributi riconosciuti al gruppo su conti personali a lui intestati ed accesi anche presso banche estere, nonché attraverso pagamenti per spese personali effettuati a mezzo di bonifici bancari, assegni bancari, carte bancomat o prelievi in contanti, per un complessivo ammontare di euro 1.457.970,89 dalla Corte d’appello precisato, nella motivazione della pronuncia impugnata, in misura pari alla somma di euro 1.200.784».
La procura era partita contestando 24 episodi di appropriazione indebita. Oltre a tre indennità mensili, le accuse riguardavano anche una lampada da ufficio pagata con una carta di credito aziendale del Gruppo, il rimborso per un convegno a Positano, un assegno per l’acquisto di una caldaia. Gli inquirenti lo accusavano di avere saldato con soldi del partito anche altre spese personali: una vacanza in Sardegna costata 29mila euro e la ristrutturazione – da 19mila euro – della sua villa al Circeo. La difesa aveva esibito già al giudice di primo grado alcuni documenti per dimostrare che molte di quelle spese fossero legittime e che i soldi erano stati sempre restituiti al Gruppo. Fiorito però si è sempre difeso: «Sono stato fatto fuori perché non ho accolto la continua richiesta di soldi che mi arrivava dagli esponenti di Forza Italia».

Ti potrebbero interessare anche:

L'Alemanno furioso: noi con la commessa dei bus della Breda Menarini non abbiamo nulla a che fare
Rom e sbandati, "bonificato" il viadotto della Magliana
Trasparenza nel settore funerario, M5S presenta una proposta di legge
Bertolaso, squadra pronta dopo Pasqua. Io al ballottaggio
IL PUNTO/ Stallo metropolitano
Appalti truccati al San Camillo per il Giubileo, dieci arresti



wordpress stat