| categoria: sanità Lazio

Disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività per adulti, Asl Roma 5 prima ad aprire centri nel Lazio

Le strutture della Asl Roma 5 entrano anche a far parte dei “Centri specialistici abilitati alla elaborazione del Piano Terapeutico necessario alla prescrizione dei farmaci Metilfenidato (Ritalin®) e Atomoxetina (Strattera®) per il trattamento del disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività (ADHD – Attention Deficit Hyperactivity Disorder) nei bambini a partire dai 6 anni di età e negli adolescenti come parte di un programma di trattamento multimodale”

È la Asl Roma 5 che per prima nel Lazio attiva due centri per il trattamento del Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD) per adulti. Il primo partirà a maggio presso l’Ospedale SS. Gonfalone Monterotondo e il secondo entro l’estate presso l’Ospedale Parodi delfino Colleferro. Inoltre i servizi per la neuropsichiatria infantile (TSMREE) del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche della Asl Roma 5 (uno per ognuno dei sei Distretti Sanitari) entrano anche a far parte dei “Centri specialistici abilitati alla elaborazione del Piano Terapeutico necessario alla prescrizione dei farmaci Metilfenidato (Ritalin®) e Atomoxetina (Strattera®) per il trattamento del disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività (ADHD – Attention Deficit HyperactivityDisorder) nei bambini a partire dai 6 anni di età e negli adolescenti come parte di un programma di trattamento multimodale”. Ciò sta a significare che per i minori con ADHD della ASL Roma 5 non sarà più necessario recarsi fuori Asl per la Prescrizione e per il Piano Terapeutico la diagnosi e la cura. Accanto a ciò il servizio farmaceutico sta organizzandosi per provvedere alla erogazione diretta del farmaco sia per adulti che per minori per gli utenti che risiedono nel nostro territorio. Questo grande traguardo è stato raggiunto grazie alla sinergia tra la UOC Farmaceutica, DSM e Direzione Strategica, con l’avallo della Regione Lazio.
“Si tratta di un grande risultato – commenta il Commissario Straordinario della Asl Roma 5, Giuseppe Quintavalle – Le famiglie, già fortemente provate, saranno seguite sul proprio territorio e non dovranno più allontanarsi per la Prescrizione e per il Piano Terapeutico. Noi non ci fermeremo. Continuerà il nostro impegno nell’approfondimento della patologia e nel sostegno verso le famiglie”. “Questa iniziativa nasce dalla consapevolezza delle difficoltà che pazienti e famiglie devono affrontare per riuscire ad ottenere un trattamento moderno ed efficiente. L’ADHD ha una prevalenza del 2,5% nella popolazione e in Italia è sotto diagnosticato, chi è affetto da tale patologia ha maggiore probabilità di sviluppare dipendenze patologiche e disturbi della personalità – spiega il Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche della Asl Roma 5, Giuseppe Nicolò – Sarà il Dr. Pietro De Rossi della Asl Roma 5, che ha partecipato alla realizzazione delle linee guida Europee, ad avviare il servizio di Monterotondo. Da oggi la Asl Roma 5 è annoverata nel network dei centri Italiani per l’ADHD”.
I CENTRI
Ambulatorio ADHD Ospedale SS. Gonfalone Monterotondo; Ambulatorio ADHD Ospedale Parodi delfino Colleferro; TSMREE Colleferro; TSRMEE Palestrina; TSMREE Monterotondo; TSRMEE Guidonia; TSRMEE Tivoli; TSRMEE Subiaco.

Ti potrebbero interessare anche:

Braccio di ferro Regione-Asl Latina: niente tagli, non possiamo interrompere dei pubblici servizi
REGIONE/ Rsa e dislessia in Commissione Sanità
Con il piano Zingaretti per la sanità della Tuscia sarà una rivoluzione
D'Amato ai manager della sanità laziale, "La Regione mette la bicicletta, voi pedalate"
Muore per crisi epilettica: «Le ambulanze erano bloccate». Assalto al Pronto Soccorso
Antonello Colonna "coach" per il personale del Nuovo ospedale dei Castelli



wordpress stat