| categoria: politica

Crimi: la convenzione di Radio Radicale non sarà rinnovata

‘Ha svolto da 25 anni un servizio senza alcun tipo di gara’

“La posizione è molto chiara: l’intenzione del Governo, mia e del Mise è di non rinnovare la convenzione con Radio Radicale”. Lo ha detto il sottosegretario all’Editoria Vito Crimi interpellato al suo arrivo a un convegno sull’informazione locale in Lombardia. “Nessuno ce l’ha con Radio Radicale o vuole la sua chiusura” ma “sta nella libertà del Governo farlo” ha detto Crimi, affermando che l’emittente “ha svolto da 25 anni un servizio senza alcun tipo di gara e valutazione dell’effettivo valore di quel servizio”.

Il sottosegretario all’Editoria Vito Crimi ha sottolineato che negli anni a Radio Radicale “la convenzione è stata rinnovata come una concessione”. Ora, ha concluso il sottosegretario, “la valutazione è stata fatta: esiste Rai Parlamento, un servizio pubblico, un canale istituzionale che trasmette le sedute parlamentari

Ti potrebbero interessare anche:

FORCONIO/ Il Viminale ammette: imprevedibili, polizia senza interlocutori
MAFIA/ La risposta di Renzi a Saviano: i miei cinque punti contro i patrimoni criminali
Expo, la politica reagisce, task force e legge anti-corrotti
Gentiloni porta la Libia al G7, serve una soluzione politica
Salvini a sopresa: «Pronto ad accogliere un profugo a casa mia»
EDITORIA/ TG2, due ore di informazione in prima serata



wordpress stat