| categoria: politica

Crimi: la convenzione di Radio Radicale non sarà rinnovata

‘Ha svolto da 25 anni un servizio senza alcun tipo di gara’

“La posizione è molto chiara: l’intenzione del Governo, mia e del Mise è di non rinnovare la convenzione con Radio Radicale”. Lo ha detto il sottosegretario all’Editoria Vito Crimi interpellato al suo arrivo a un convegno sull’informazione locale in Lombardia. “Nessuno ce l’ha con Radio Radicale o vuole la sua chiusura” ma “sta nella libertà del Governo farlo” ha detto Crimi, affermando che l’emittente “ha svolto da 25 anni un servizio senza alcun tipo di gara e valutazione dell’effettivo valore di quel servizio”.

Il sottosegretario all’Editoria Vito Crimi ha sottolineato che negli anni a Radio Radicale “la convenzione è stata rinnovata come una concessione”. Ora, ha concluso il sottosegretario, “la valutazione è stata fatta: esiste Rai Parlamento, un servizio pubblico, un canale istituzionale che trasmette le sedute parlamentari

Ti potrebbero interessare anche:

Draghi e Visco, all'Italia servono riforme e stabilità
QUIRINALE/ Napolitano convoca il Consiglio Supremo della Difesa per il 18 giugno
PD/ Fassina, dimissioni? Possibile, dopo il voto sulla scuola
Troppi contestatori, Renzi annulla la visita a L'Aquila
Renzi a caccia di consensi tra il popolo delle partite Iva
Renzi prova a liberarsi di Poletti, ministro scomodo e imbarazzante



wordpress stat