| categoria: Dall'interno

Il Borgo di Celleno ospita “La Passione di Cristo”

Il Borgo di Celleno, in preparazione alla Pasqua, ospita la passione del Cristo nella suggestiva piazza del Castello Orsini di Celleno, graziosa località a un’ora di auto da Roma.

Grandi i preparativi al Borgo di Celleno Vecchio, che quest’anno farà da sfondo a “La Passione di Cristo”, rievocazione della passione con drammatizzazione scenica itinerante, a cura della Compagnia teatrale “Giorgio Zerbini”.

Il Comune di Celleno, Confraternita “San Carlo” di Celleno, in collaborazione con l’ Associazione Culturale “Amici del Colle” presentano, dunque, un evento che, oltre a vantare una location suggestiva, avrà come valore aggiunto i vari figuranti-attori. Cellenesi di ogni età che si reinventano attori per mantenere vive le tradizioni del Paese e promuovere il loro Borgo Fantasma.

Il percorso prevede la prima tappa presso l’Ex Convento, dove verrà messa in scena “L’Ultima cena” e “l’Orto degli Ulivi”; scendendo verso il Borgo, questo diventerà palcoscenico del “Sinedrio”. A Piazza San Rocco “Pilato” e “La Flagellazione” e, sulla cima della salita che conduce al Castello, “la Crocifissione”.

Il Comune di Celleno è situato in Provincia di Viterbo, sopra uno sperone tufaceo
in una posizione strategica: fra Civita di Bagnoregio e il Lago di Bolsena, appena un’ora da Roma in auto, e vicino a Orvieto e il confine con la Toscana.

Di grande importanza è il maestoso castello medievale situato nella piazza del borgo medievale. Il Castello Orsini, un tempo abitato da buona parte della popolazione, è stato abbandonato dopo un violento terremoto. Per 40 anni il Castello è stato successivamente solo abitato dall’artista di fama internazionale Enrico Castellani, morto nel dicembre del 2017. Castellani nel suo laboratori -studio di Celleno ha creato la maggior parte della sua arte diffusa in tutto il mondo e che raggiunge i milioni di euro per opera. Oggi, visitando il Castello Orsini, è possibile respirare l’arte del Maestro recentemente scoparso, assieme alla struttura disabitata. Celleno è il “Borgo Fantasma” per la sua bellezza rimasta intatta, con il Castello Orsini sulla rupe tufacea (come la vicina Civita di Bagnoregio) e il territorio circostante verde e pieno di opportunità per un turismo slow e con diversi spunti enogastronomici.

Particolarmente nota è la Festa delle ciliegie di Celleno che si tiene ogni anno, con il caratteristico “sputo del nocciolo” con la proclamazione del vincitore nazionale di chi ha saputo espellere a maggiore distanza il nocciolo. Celleno è anche chiamato “Il paese delle ciliegie” per via della sua storica tradizione di coltura cerasicola e della nota sagra.

Molti artisti hanno visitato e notato Celleno per la sua bellezza e per l’avvio di progetti cinematografici, come nella recente visita del regista Sorrentino.

Ti potrebbero interessare anche:

Il sindaco di Asti rimborsa l'Imu prima di Berlusconi
Prato: Inca-Cgil, ennesima tragedia sul lavoro
Marò, Massimiliano Latorre è di nuovo in Puglia
Puglia, voto di scambio alle regionali 2015: 21 arresti, pure un politico
Il Papa contro la corruzione. Cantone, è novità importante
VENEZIA SI VESTE DI BLU PER LA FESTA DELL'EUROPA 2018



wordpress stat