| categoria: sanità Lazio

Ospedale di Tivoli, frattura al femore: operato signore di 102 anni

Operato al femore a 102 anni, le sue condizioni sono buone, è stato riportato in reparto. Ad attenderlo la sua famiglia a cui l’Azienda porge i migliori auguri.
L’uomo era arrivato al Pronto Soccorso dell’ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli con una frattura al femore destro ed è stato sottoposto tempestivamente ad intervento chirurgico dall’equipe guidata dal Direttore della UOC Ortopedia e Traumatologia, Manlio Caporale, in sinergia con l’equipe di Anestesia e Rianimazione, guidata dal nuovo Direttore UOC, Valeria Lucentini.L’intervento di osteosintesi, molto delicato, vista l’età del paziente, è durato poco più di mezz’ora con esito decisamente positivo. Grande soddisfazione da parte di tutti gli operatori e delle equipe coinvolte a cui la Direzione Aziendale rivolge un ringraziamento augurando all’uomo una pronta guarigione.“Siamo contenti per lui e per la sua famiglia – ha commentato il dott. Caporale – Dovevamo agire con tempestività e le condizioni del paziente, nonostante la sua età, l’hanno consentito. L’intervento e l’esperienza fatta hanno ripagato tutti noi. Fondamentale è stata la sinergia con il Pronto Soccorso e la Rianimazione, che ha seguito il paziente anche dopo l’intervento prima di del trasferimento in reparto. Ringrazio tutti gli operatori e le equipe per l’ottimo lavoro svolto”.Di grande sinergia parla anche il nuovo Direttore della UOC Anestesia e Rianimazione: “Abbiamo lavorato in piena sintonia – ha spiegato la dott.ssa Lucentini -, la sinergia tra le equipe e i reparti è fondamentale. Stiamo costruendo un percorso virtuoso di collaborazione tra Pronto Soccorso, Sale Operatorie e Post Operatorio affinché le persone siano seguite in ogni momento dal loro arrivo fino alla dimissione, garantendo allo stesso modo ai medici, infermieri e operatori di seguire costantemente il percorso di cura”.Il Commissario Straordinario della Asl Roma 5, Giuseppe Quintavalle, facendo gli auguri al paziente e alla sua famiglia, ringrazia, non solo tutti gli operatori e le equipe per l’ottimo lavoro svolto, ma anche i Direttori per la grande professionalità e per la sinergia tra reparti che sta dando importanti risultati.

Ti potrebbero interessare anche:

VITERBO/Sanità all’orlo del collasso, le belle parole non bastano
LA DENUNCIA/ Tante secchiate gelate per la Sla, ma nel Lazio solo due ospedali accreditati
SCENARI/ Zingaretti taglia i fondi alle Rsa, in autunno sarà una apocalisse
"Ares 118 in ginocchio, ma sembra non se ne accorga nessuno"
Al via le ‘Rete locale di Cure palliative’. Ok a decreto
La Asl Roma 4 sostiene la campagna “Cura di Coppia”



wordpress stat