| categoria: Dall'interno

Bimbo ucciso a Cassino, fermato anche il padre. «La madre non ha agito da sola»

4441275_0132_13e8e962_2417_44e5_bc1e_827d132cf0c6
E’ stato fermato, al termine di un lungo interrogatorio, anche il papà del piccolo Gabriel, Nicola Feroleto 48 anni nativo di Sant’Ambrogio sul Garigliano, residente a Villa Santa Lucia. Per i carabinieri del colonnello Fabio Cagnazzo l’uomo al momento dell’omicidio del piccolo Gabriel era assieme alla madre. Si era precostituito un alibi ma gli investigatori lo ritengono non attendibile.

Le indagini sono state dirette dal procuratore della Repubblica dott. Luciano D’Emanuele e dai Sostituti Procuratori Valentina Maisto e Roberto Bulgarini Nomi. L’uomo, assistito dall’avvocato Luigi D’Anna, trascorerrà la notte nelle celle di sicurezza del comando compagnia di Cassino, domani verrà trasferito nel vicini carcere San Domenico. Poi comparirà dinanzi al Gip per la convalida del fermo.

Solo nel pomeriggio di ieri, intervistato aveva detto: “Se fossi stato presente lo avrei salvato”. Ora si dovrà difendere dalla pesante accusa di omicidio.

Ti potrebbero interessare anche:

PRIMO MAGGIO/Napolitano: Pensare al lavoro che non c'è
MAFIA/Addiopizzo, gli imprenditori denuncino subito il pizzo
Frana in Cadore, i morti salgono a tre
Padre lascia figlia di 1 anno chiusa in auto, morta
Carabiniere fa sesso in caserma e si segna lo straordinario: denunciato
Violenza sessuale: 25enne si salva con spray.



wordpress stat