| categoria: sanità Lazio

Ambulatori cure primarie e pediatrici Lazio aperti 25 aprile e 1° maggio

Sono stati oltre 2.000 gli accessi durante le festività di Pasqua – 20, 21, 22 aprile – presso gli Ambulatori di Cure Primarie e di Continuità Assistenziale Pediatrica della Regione Lazio che rimarranno aperti anche durante le feste del 25 aprile e del 1° maggio.

Si tratta di Ambulatori di Cure Primarie e di Continuità Assistenziale Pediatrica aperti il fine settimana, festivi e prefestivi, dalle ore 10:00 alle ore 19:00 dove è possibile trovare un medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta. Tutte le informazioni sono consultabili sul sito della Regione salutelazio.it ed è anche possibile scaricare l’App dedicata: ‘SaluteLazio’ con il servizio di geolocalizzazione.

Prosegue con successo il nuovo servizio voluto dalla Regione Lazio per l’assistenza primaria accessibile a tutte le persone della Regione indipendentemente dalla ASL di residenza. Sono in totale 34 gli ambulatori di cure primarie, attivati progressivamente in tutta la Regione, di cui 18 sono nella città di Roma, 9 nella provincia di Roma, 3 in quella di Frosinone, 2 a Rieti, 1 a Latina 1 a Viterbo.

Ad oggi sono state assistite oltre 391.000 persone, di cui oltre 2.000 durante le festività di Pasqua. Con le stesse modalità sono stati aperti 9 ambulatori per la Continuità Assistenziale Pediatrica gestiti dai pediatri di libera scelta: 6 nella Città di Roma, di cui 1 nella Casa della salute di Ostia, X Municipio, uno a Viterbo, Rieti e Colleferro. Dal 23 giugno del 2018 ad oggi sono stati visitati oltre 25.000 bambini da 0 a 6 anni, di cui circa 1.000 nelle festività di Pasqua.

Ti potrebbero interessare anche:

Zingaretti: l'Agenzia di Sanità Pubblica deve "cambiare pelle"
Sbloccata la seconda tranche da 665 milioni per i pagamenti dei debiti sanitari
Zingaretti: Pronto Soccorso, la rete regge. L'opposizione contesta, un bluff
Ticket e 'cartelle pazze': il caso finisce in Procura
Appropriatezza, dopo il segnale del ministro la Regione Lazio frena sul decreto
La Asl Roma 5 tiene “d’occhio” la tua salute



wordpress stat