| categoria: Dall'interno, Venezia

Venezia, ticket d’ingresso, si parte. Decine di categorie esentate

Venezia, ticket d’ingresso, si parte E saranno una ventina le categorie di esenzioni del ticket di accesso (leggi il regolamento integrale con tutte le categorie). Le ultime: non pagherà nessuno che sia nato a Venezia, anche se abita a Sidney o New York, non pagheranno i tifosi del Penzo che arrivano organizzati tra pullman e motonave (gli altri si) meno che mai i pazienti ospedalieri di ogni tipo. Il regolamento del contributo d’accessoè stato approvato con il voto contrario dei tre consiglieri M5s e dei due del Gruppo misto, mentre gli esponenti di Pd e lista Casson – sei – non hanno votato. Compatti i 22 consiglieri di maggioranza di lista Brugnaro, Forza Italia, lista Boraso, Lega, Progetto civico e Area Popolare. L’unica voce nettamente contraria è stata quella del vicepresidente del consiglio comunale, Giovanni Pelizzato (lista Casson), che prima del lungo elenco di emendamenti dei colleghi ha voluto ripartire dal principio: «Credo sia sfuggito a tutti il punto focale: stiamo per comunicare al mondo che per arrivare a Venezia bisogna pagare un biglietto. Stiamo parlando di una delle capitali ideali del mondo, con più di mille anni di storia. E noi la trasformiamo in un museo». Con moltissime esenzioni: 22 quelle richiamate dall’assessore al Bilancio Michele Zuin, che ne ha accolte alcune «arrivate dalle richieste in commissione». Tra queste mancano quelle per matrimoni, battesimi e altre celebrazioni religiose, per i clienti dei professionisti, le scolaresche, i relatori di convegni e incontri culturali. Salvi i tifosi, ma solo se salgono in comitiva su un vaporetto della società sportiva in terraferma, sbarcano allo stadio e a fine partita risalgono per tornare subito a casa, senza quasi toccare «masegno».

Decine le sfumature: «I parenti dei residenti della città storica sono esentati, ma quelli degli altri residenti nel comune no?», ha chiesto Francesca Faccini (lista Casson). Tra le resistenze maggiori, quella alle convenzioni per alberghi, bed & breakfast e locazioni turistiche imprenditoriali fuori comune, che a fronte di un lavoro di sensibilizzazione nei confronti degli ospiti sulla fragilità di Venezia, vedranno dimezzare il ticket dei loro clienti nei giorni congestionati. «Altro che gestione dei flussi – ha detto Sara Visman (M5s) – così diamo la possibilità a tutto il Veneto di vendersi il “brand Venezia”». Per la collega Elena La Rocca, invece, risultava allarmante la distinzione tra strutture imprenditoriali e non, tanto che Zuin ha finito per replicare con un sorriso: «Da una parte chiedete di stringere le maglie, dall’altra di allargarle. Mettetevi d’accordo. O forse siete solo seccati perché il vostro governo non vi ha consultati?». Fuori dal consiglio si è alzata la voce critica del Gruppo 25 Aprile. «Il modo in cui lo strumento è stato declinato si tradurrà in ulteriori disagi e pastoie burocratiche per chi dovrà dimostrare di essere esente dalla tassa», dicono annunciando disobbedienza civile nei casi di autocertificazione. Loro l’ultima richiesta: perché dovrebbe pagare chi viene a Venezia per partecipare a una manifestazione di protesta?

Ti potrebbero interessare anche:

Carceri, decreti scarica controlli domiciliari a polizia
GIGLIO/ Con via libera del tribunale per la Concordia partenza vicina
Donatella Pacelli (LUMSA) nominata presidente del Comitato Media e minori
Mezzo secolo fa il terremoto del Belice: per i geologi la faglia è ancora attiva
SUICIDA 15ENNE DOPO BRUTTO VOTO,'NON SONO ALL'ALTEZZA'
Picchiato a morte, il gip dispone il carcere per i 6 minori e i maggiorenni. 'Era terrorizzato'



wordpress stat