| categoria: Roma e Lazio

Lo scandalo della metro in centro, Repubblica, Barberini e Spagna ancora chiuse

Le tre fermate centrali della metropolitana A – metrò centrale, certo – sono chiuse. La fermata “Repubblica” è chiusa da sei mesi tondi. Non si scende, figurarsi entrare. I cancelli sono sbarrati. Per i turisti che assediano nel lungo ponte di aprile, per i residenti del Primo Municipio. Per i lavoratori e i figli studenti che arrivano da fuori. Le carrozze non si fermano nei due chilometri e cento compresi tra “Repubblica”, “Barberini” e “Spagna” (Piazza di Spagna, centro ideale della capitale).
Per arrivare al cuore della metropoli ora si deve scendere in Piazzale Flaminio, porta d’ ingresso da Nord, e proseguire a piedi. Dall’ altra parte serve arrivare alla Stazione Termini e cambiare con la linea B che porta al Colosseo, al Circo Massimo.
I pendolari oltre il raccordo, hanno calcolato, perdono un’ ora al giorno. I negozianti di piazza dell’ Esedra affacciati sulle quattro discese chiuse della fermata “Repubblica” – sono tredici esercizi tra cui un cinema da anteprime e un hotel a cinque stelle – hanno perso a Pasqua il 60 per cento dei turisti.
“Repubblica” è la madre del nuovo disastro di una capitale che non trova un filo, non vede la luce. Ieri il fermo della stazione metrò ha compiuto sei mesi e – con l’ ironia che continua a permeare Roma – i commercianti impoveriti hanno festeggiato al Caffè Piccarozzi.

Ti potrebbero interessare anche:

ROMA/Infermiere killer condannato a ergastolo
SENEVANNODASOLI/ Si dimette Iudicello, segretario generale del Campidoglio
Anac, niente sanzioni per la Raggi, ma adegui i dati sul web
Tutti gli addii della Giunta Raggi
Castel Madama, carambola in autostrada: numerose auto coinvolte, 13 i feriti
PROTESTE TORRE MAURA, PROCURA CONTESTA AGGRAVANTE ODIO RAZZIALE



wordpress stat