| categoria: economia

OCSE, IN ITALIA LAVORATORI SOTTO OCCUPATI PIÙ CHE RADDOPIATI DA 2006, TOP IN AREA

«La quota di lavoratori sotto occupati in Italia è più che raddoppiata dal 2006, ed è ora la più alta tra i paesi Ocse». È quanto sostiene l’Ocse nel rapporto sull’occupazione diffuso oggi. La quota di lavoro temporaneo, rileva ancora, «è superiore alla media Ocse ed è cresciuta notevolmente nell’ultimo decennio». I contratti a tempo determinato si collocano al 15,4% del lavoro dipendente contro una media nell’area Ocse dell’11,2%; quelli a tempo parziale breve (1-19 ore settimanali) al 15,2% del lavoro dipendente contro una media Ocse al 15,9%. Le regole e istituzioni del mercato del lavoro svolgono un ruolo importante nel proteggere i lavoratori, ma molti di coloro che hanno contratti ‘atipicì (non a tempo indeterminato), spiega l’Ocse, «spesso hanno protezioni solo parziali. Le tutele dei lavoratori atipici possono essere rafforzate estendendo alcuni diritti anche a chi sta nella zona grigia tra lavoro autonomo e lavoro dipendente, compresi molti lavoratori delle piattaforme digitali».
In Italia, i posti di lavoro ad alto rischio di automazione sono appena al di sopra della media Ocse: sono al 15,2% contro il 14% nell’area. Un altro 35,5%, rileva l’organizzazione internazionale con sede a Parigi, «potrebbe subire sostanziali cambiamenti nel modo in cui vengono svolti; questi posti di lavoro rimarranno ma con mansioni molto diverse da quelle attuali».
Il sistema italiano di servizi pubblici per l’impiego manca di personale qualificato, di strumenti informatici e di risorse adeguate e, per queste ragioni, la qualità dei servizi è bassa e varia notevolmente attraverso il paese. Oltre ad ulteriori risorse, occorre migliorare il coordinamento tra le autorità centrali e quelle regionali responsabili dell’implementazione delle politiche attive, anche attraverso linee guida comuni per un miglioramento dei servizi per l’impiego».

Ti potrebbero interessare anche:

Risale l'allerta della Ue sugli squilibri italiani. Torniamo "sorvegliati"
FISCO/ Padoan, l'evasione non si batte con i blitz ma con una drastica semplificazione
Fallimenti in calo per la prima volta dopo 30 mesi
ISTAT/ A settembre netto rialzo della fiducia di consumatori e imprese
Saldi al via n tutta Italia. Spesa delle famiglie sui 230 euro
OCSE: IN ITALIA COMMERCIO BENI CONTRAFFATTI PESA PER 1-2% PIL



wordpress stat