| categoria: Roma e Lazio

Europee, grillini a picco, boom della Lega in periferia

Evaporato. Tutto il grande consenso macinato nelle periferie dai Cinque Stelle è evaporato. Il Pd esce dalle elezioni europee come il primo partito a Roma e molto del consenso stellato è passato alla Lega che in quasi tutti i Municipi totalizza percentuali sopra alla media nazionale e in tutti i casi incrementa i consensi racimolati alle Politiche. Va peggio invece al Movimento 5 stelle romano, appunto e quindi alle politiche capitoline di Virginia Raggi. Il M5S nei Municipi tiene la media nazionale già molto deludente, e a in alcuni casi la supera.

A Tor Bella Monaca le promesse stellate sono rimaste tali e il disagio pure. Qui la Lega ha totalizzato, secondo i primi dati parziali scrutinati nella notte, percentuali che sfiorano il 40% mentre Fratelli d’Italia e Forza Italia rincorrono a distanza: il partito di Meloni fa l’8% mentre quello di Berlusconi fa il 5%. Il M5S che qui aveva riscosso un successo bulgaro si è fermato al 25% mentre il Pd si attesta sul 17%, segno che i voti delusi degli elettori di sinistra che nel 2016 avevano scelto Raggi, e alle primarie di marzo hanno premiato Maurizio Martina, non sono tornati a casa, si sono semplicemente spostati a destra abbracciando il Carroccio (nel resto d’Italia per altro succede lo stesso: le ormai ex regioni rosse sono tutte diventate verde Salvini).

Nel secondo Municipio, quartiere Trieste e Africano, i risultati sono ribaltati. Qui il Pd è premiatissimo con un 40% e la Lega ha la metà dei voti dei dem: il 20%. E i Cinquestelle? Sono al 9,4%, poco sopra le performance di FdI (8,1%) e Fi (8,9%).

A Monteverde il Pd viaggia al 36% mentre la Lega al 22%. Il M5S si ferma al 14%, ovvero il doppio di Fratelli d’Italia.

A Ostia, c’è un testa a testa tra Pd e M5s. Entrambi si proiettano intorno al 23%. Ma meglio di loro ha fatto il Carroccio con il 29% dei consensi. Qui sul litorale la Lega ha costituito un gruppo consiliare all’interno del Municipio nuovo di zecca con tre membri in un colpo solo: tra questi l’ex candidata mini sindaca Monica Picca, scippata a Giorgia Meloni.

A Montesacro e Talenti, il terzo Municipio che dove vivono pezzi da novanta del M5S, come Roberta Lombardi, il Pd guadagna il 32%, la Lega il 24% e il M5S il 17%. Meloni totalizza il 9%.

Nel Municipio VII il M5S resiste con un 18% che sembra tantissimo in confronto al crollo negli altri Municipi ma è sempre fuori dai giochi: qui il Pd viaggia al 31% e la Lega al 24%.

A Garbatella il Pd è al 38%, la Lega al 19% e il M5S al 15%. Ci sono risultati, stando sempre ai dati parziali, che ridisegnano la geografia politica.

AL TIBURTINO
Siamo al IV e al V Municipio dove Nicola Zingaretti aveva ottenuto la sua performance miglioren alle primarie dem, ovvero sopra l’80 per cento. È un collegio che va da Tor Cervara a Casal Bertone, da Centocelle a Torpignattara. Nel IV, il Tiburtino che comprende anche Casal Bruciato, il quartiere che ha visto le fortissime tensioni sui rom, il Pd sta al 28%, la Lega insegue al 26 e il M5S sta al 20%, mentre FdI si attesta al 9%. Vuol dire che Meloni e Salvini qui sfiorano il 40% e hanno fatto fruttare i tanti malumori sulle politiche abitative. Nel V invece la Lega con il 29% sorpassa il Pd che si ferma al 25%.

Al IX, Eur – Laurentino, il Pd svetta con il 31%, segue il Carroccio al 23%, mentre il M5S si ferma al 17%. Qui Fratelli d’Italia viaggia sopra il 10%. Nel XIV Municipio, a Ottavia dove è di casa la sindaca Raggi, la partita è tutta tra Pd (28%) e Lega (26%) con FdI e Fi che fanno il 15%.

Ultimo aggiornamento: 07:11

Ti potrebbero interessare anche:

Panettieri romeni facevano sparire sottobanco 30 chili di pane al giorno per attività parallela
Ultimo confronto tv, vince il fair play tra gli sfidanti
Campidoglio, taglio alle auto blu. Il risparmio è di 850mila euro
Abusa della figlia minore per 6 anni, arrestato
DIETRO I FATTI/ Marino e il caso Rolling Stones, tutto serve per fare cassa
Roma Multiservizi annuncia 400 licenziamenti entro dicembre



wordpress stat