| categoria: primo piano

Europee, le proiezioni: Lega primo partito, Pd supera M5S.

adba69debd852f399cfeb4e72c75595cElezioni Europee 2019, ecco le prime proiezioni. Secondo la prima proiezione realizzata da Swg per La 7 per le Europee (copertura all’8%) la Lega consolida il primato emerso dagli exit poll e va al 32%. Il Pd è il secondo partito al 21,7% seguito dal Movimento 5 Stelle al 19,6%. Forza Italia è all’8,6% e Fratelli d’Italia al 6,2%.

Questi gli exit poll delle elezioni Europee 2019. In Italia i seggi hanno aperto alle 7 del mattino per chiudersi alle 23. Se i primi exit dovessero essere confermati dai dati reali, alle europee 2019 la Lega, con una forchetta tra il 27 e il 31%, sarebbe primo partito rafforzando la sua leadership nei confronti dell’alleato M5S, che alle politiche dell’anno scorso ha ottenuto il 32,7% e alle europee di cinque anni fa riuscì a portare a casa il 21,16%. Il Carroccio alle europee 2014 si era fermato al 6,15% dei voti, mentre alle politiche dello scorso anno aveva ottenuto il 17,4%. I pentastellati sono dati dagli exit poll al 18,5%- 22,5%, un risultato che li vedrebbe dietro al Pd. I dem, con una forchetta tra il 20,5 e il 24,5%, riuscirebbero nel sorpasso del partito di governo anche se lontani dal 40,8% incassato alla precedente consultazione. Forza Italia si attesterebbe intorno all’8-12%, rispetto al 16,81% del 2014, Fdi è dato al 5-7%, in crescita rispetto alle precedenti europee quando si attestò al 3,67%.

Exit poll Rai. Secondo il II Exit Poll del Consorzio Opinio Italia per Rai relativo alle elezioni europee in Italia (esclusa circoscrizione estera), con una copertura del 100%, il Pd è lievemente in calo rispetto alla rilevazione precedente e si attesta tra il 20,5% e il 24,5%. Restano invariate le percentuali relative agli altri partiti. – Lega 27,0 – 31,0 – Pd 20,5 – 24,5 – M5S 18,5 – 22,5 – Forza Italia 8,0 – 12,0 – Fratelli d’Italia 5,0 – 7,0 – +Europa – Italia in Comune 2,5 – 4,5 – Europa Verde 1,0 – 3,0 – La Sinistra 1,0 – 3,0 – Partito Comunista 0,5 – 1,5 – Popolari per l’Italia 0,0 – 1,0 – Forza Nuova 0,0 – 1,0 – Altri 1,5 – 3,5 La copertura del campione è del 100%.

La rilevazione La7. Secondo il multi poll realizzato da Swg per La 7 per le Europee la Lega è il primo partito in una forbice tra 26,5% e 29,5%. Il Pd è tra 21% e 24%, il Movimento 5 Stelle è al 20%-23%, Forza Italia è tra 9 e 11% e Fratelli d’Italia è tra il 5% e il 7%. Secondo il Multi poll realizzato da Swg per La 7 per le Europee, tra i partiti minori, +Europa-Italia in Comune-Pde è in una forbice tra il 2,5 e il 3,5, La Sinistra si colloca in una forchetta tra il 2 e il 3%, Europa Verde è in una forchetta compresa tra 1,5 e il 2,5%. Gli altri partiti si collocano tra il 4 e il 5%.

La Lega esulta. «Importa relativamente se saremo al 30 o 31%: un anno fa eravamo al 17%. È un risultato storico ed è storico che per la prima volta la Lega diventi primo partito in Italia». Lo dichiara, nel corso di una diretta a Porta a porta, il capogruppo della lega alla Camera Riccardo Molinari.

M5S attende i dati veri. Il Movimento Cinque Stelle commenterà solo quando ci sarà un quadro più chiaro del risultato, almeno di fronte a dati reali. In pratica quando sarà noto almeno il dato della metà del campione delle proiezioni. Lo comunicano fonti del Movimento.

Pd: torniamo a crescere. «Il Partito democratico c’è, è in campo, è la forza sulla quale costruire l’alternativa». Lo ha detto il vicesegretario Pd Andrea Orlando al Nazareno commentando gli exit poll che danno i dem al secondo posto dietro la Lega. «Gli elettori sono tornati a darci fiducia in questa tornata elettorale, ma non la consideriamo un’apertura di credito in bianco. E tuttavia il partito democratico c’è, è la forza sulla quale costruire un’alternativa e una coalizione di centrosinistra», ha detto ancora Orlando, che ha premesso «stiamo parlando di exit poll, la cautela è d’obbligo».

Affluenza in leggero calo. Si consolida il dato dell’affluenza alle elezioni Europee alle ore 23: quando sono pervenuti i dati di 5083 comuni su 7.915, ha votato il 53,41% degli aventi diritto. Alle elezioni del 2014 erano stati il 56,47%. Lo rende noto il sito del ministero dell’Interno. Nel 2014 l’affluenza finale alle ore 23 fu del 58,6%. Alle politiche del 2018 l’affluenza alle ore 19 fu del 58,4% (dato della Camera).

Ti potrebbero interessare anche:

La politica in lutto, è morto Marco Pannella
LONDRA/ Attacco a London Bridge, 7 morti e 48 feriti
Sicilia, Musumeci nuovo presidente con il 39,83% dei voti
Berlusconi: "Tajani ha sciolto riserva, sarà candidato premier"
Mattarella ci prova, e scatta il toto-governo
G7/ Contrordine, Trump ritira la firma dal comunicato finale



wordpress stat