| categoria: politica

Salvini vede Tria. Lega ripropone il condono al 20%

fc05feb886c649483a637097ae930a79“La risposta all’Ue metterà a riparo da infrazioni”, dice il vicepremier della Lega. E sulla Flat tax: “Porterò la discussione al prossimo Cdm”

La Lega punta di nuovo sul condono per completare la ‘pace fiscale’. Il partito guidato da Matteo Salvini è pronto a riproporre all’interno del suo pacchetto fiscale, magari anticipando la misura già nel decreto crescita, la cosiddetta ‘dichiarazione integrativa speciale’, già tentata con la manovra ma poi saltata per la contrarietà del Movimento 5 Stelle. La misura sarebbe riproposta tale e quale, con la possibilità di fare emergere fino a 100 mila euro e comunque non oltre il 30% di quanto già dichiarato pagando un forfait del 20%.

Il Carroccio stringe anche sulla Flat Tax: “Mi premurerò di portare la discussione sulla flat tax per imprese e famiglie nel prossimo Consiglio dei ministri, quando sarà convocato”, ha affermato il vicepremier leghista, Matteo Salvini, che ha rilanciato anche sulla Tav: “I nostri contatti con Ue dicono possono arrivare buone notizie sugli investimenti, le grandi opere, la Tav. Se la quota di partecipazione di investimento dell’Ue dovesse aumentare fino al 55 per cento sarebbe evidente che diventerebbe vantaggioso completare una opera fondamentale. Se da Bruxelles verranno confermate le voci, ci saranno altre centinaia di milioni di euro”, ha sostenuto Salvini

INCONTRO SALVINI-TRIA – “E’ stato un colloquio interessante su tutti i temi economici: abbiamo discusso dell’atteggiamento da tenere nei confronti dell’Europa, della necessità di sbloccare i cantieri e le grandi opere, in generale del rilancio economico del Paese”. Lo afferma il vice premier Matteo Salvini al termine di un incontro al Mef con il ministro del Tesoro Giovanni Tria, sottolineando la necessità di procedere con il “taglio delle tasse” e di un “atteggiamento comune” del governo sulle priorità. All’incontro presenti anche Giancarlo Giorgetti, Massimo Garavaglia, Claudio Borghi, Alberto Bagnai.

“Stamattina ho avuto un’ora e mezza di confronto col ministro dell’Economia sulla lettera cui risponderemo educatamente con numeri positivi che metteranno al riparo il paese da ulteriori lettere o infrazioni”, ha detto ancora Salvini.

“I termini della pace fiscale verranno prorogati dalla fine di luglio perché contiamo di incassare alcune decine di miliardi di euro per liberare gli italiani dalla gabbia di Equitalia”.

Secondo il ministro dell’Economia, non servono manovre correttive.

EMENDAMENTO LEGA, STOP AL CODICE DEGLI APPALTI – “La Lega – ha annunciato il ministro dell’Interno – presenterà nei prossimi minuti un emendamento al decreto Sblocca cantieri per la sospensione per due anni del Codice appalti e per il rispetto della normativa europea vigente. Mi auguro che che non ci siano preclusioni politiche né dalle opposizioni né dalla maggioranza a sbloccare i cantieri”, aggiunge Salvini

“Se qualcuno mi dicesse che la riduzione delle tasse può attendere, la pace fiscale può attendere, gli appalti e i rifiuti vanno bene così, se ci fossero quattro, cinque, sei no… da stasera alle 9, dopo il voto di Rousseau, se si lavora si va avanti, se si continua a bisticciare la Lega non ha più tempo da perdere – ha rilevato -, la politica dell’insulto protrattasi per settimane è stata punita dagli italiani”.

Ti potrebbero interessare anche:

EUTANASIA/ Video shock di una malatsa di sclerosi, ferma la proposta di legge
Roma-Feyenoord, Alfano assente: salta informativa governo al Senato
PARLAMENTO/ Puzzle presidenze commissioni, dopo le Regionali si apre una partita complicata
BOX/ Il bocconiano Costamagna, da Goldman Sachs a Luxottica
M5S in piazza con i risparmiatori, ci hanno truffato
Rai, il cda nomina i nuovi direttori ma è scontro nel Pd



wordpress stat