| categoria: Dall'interno

Crac Marenco stimato in oltre 4 miliardi: 51 indagati dalla Procura di Torino

E’ stimato in oltre 4 miliardi il crac del Gruppo Marenco, facente capo a Marco Marenco, patron dei cappelli a marchio Borsalino, cifra a cui si aggiungono condotte distrattive stimabili in ulteriori un miliardo e 130 milioni.

Sono queste le evidenze economiche delle indagini condotte dalle Procure di Torino e Asti sul fallimento del gruppo, che vede indagate 51 persone e coinvolte almeno 12 società del gruppo attive nell’import-export di gas naturale e nella produzione di energia elettrica.

Le indagini però hanno fatto venir fuori intricati rapporti fra almeno 190 società, in Italia e all’estero, collegate da complesse catene partecipative e coperte da società offshore, situate in paradisi fiscali, cui confluiva il denaro sottratto.

I reati ipotizzati per gli indagati sono di natura tributaria (dichiarazione fiscale infedele, omesso versamento d’imposta, mancato pagamento accise), ma anche truffa aggravata, appropriazione indebita, false comunicazioni sociali e, nei casi peggiori, bancarotta fraudolenta aggravata. Fra gli indagati anche alcuni pubblici ufficiali accusati di favoreggiamento.

Nel corso dell’inchiesta, sono stati anche sottoposti a sequestro preventivo beni per un valore complessivo pari a 107 milioni di euro.

Anche in colonnello della guardia di finanza compare fra i 51 indagati nell’inchiesta sul crac Marenco. Si tratta di Luigi Antonio Cappelli, per il quale la procura di Asti ipotizza il favoreggiamento personale. Il nome dell’ufficiale compare un filone che ha portato a un avviso di chiusura indagine nei confronti di 26 persone.

Ti potrebbero interessare anche:

Donna uccisa da marito in Calabria durante una lite. L'uomo è ricercato
SCUOLA/ Count down per la prima campanella del nuovo anno
Bollo auto, prescritto fino al 2013
Migranti in piscina e Forza Nuova. Folla (e fischi) alla messa dopo le polemiche
VIOLENZA DI GRUPPO SU 18ENNE, ARRESTATI 3 COETANEI
Assorbenti tassati al 22%, la protesta delle donne



wordpress stat