| categoria: esteri

Hong Kong, è in corso una rivolta

Demonstrators gather to show opposition to amendments to extradition law in Hong KongIn migliaia bloccano il Parlamento, sparati lacrimogeni

Il parlamento di Hong Kong ha rinviato l’inizio dell’esame della legge sulle estradizioni sotto la pressione delle proteste. I manifestanti hanno cercato di bloccare l’ingresso dell’edificio. Ci sono stati anche dei contatti con la polizia, che ha usato idranti e spray al peperoncino nell’intento di disperdere le migliaia di persone che stanno protestando contro la legge sulle estradizioni.

La polizia, poi, ha anche usato lacrimogeni per respingere i manifestanti che provavano ad avvicinarsi al palazzo del parlamento: lo riferiscono i media locali in una sorta di diretta in streaming.

I manifestanti sono entrati nella sede del parlamento di Hong Kong e la polizia antisommossa ha risposto sparando gas lacrimogeni e fumogeni all’interno dell’edificio. Lo riporta il South China Morning Post, secondo cui alcuni membri dell’assemblea stanno fornendo fazzoletti e acqua alle persone ferite dal gas. Il capo della polizia ha appena reso noto che gli scontri sono stati riclassificati come “rivolta”: la dichiarazione avrà gravi implicazioni per tutti coloro che saranno arrestati.

Ti potrebbero interessare anche:

Vertice Ue a Bruxelles: 'Regno Unito vicino all'uscita da Europa'
Sfida dell'Isis agli Usa: Obama, elimineremo questo cancro
BERLINO/ I migranti vanno trasferiti, ma la Germania è già al limite
ISRAELE/ Da Netanyahu a Herzog, i protagonisti del voto
Migranti: Unhcr conferma naufragio nel Mediterraneo, erano 500 a bordo
Incontro tra Gentiloni e Macron all'Eliseo, "lavoreremo insieme"



wordpress stat