| categoria: Dall'interno

La procura di Catania apre inchiesta su puntata “Realiti

113540672-7ff0ff55-7b69-4bff-886e-c934bbe784c4Al centro dell’indagine le dichiarazioni di due cantanti neomelodici sui giudici Falcone e Borsellino: Leonardo Zappalà e Niko Pandetta

La procura di Catania ha aperto un’inchiesta, al momento senza indagati, sulla prima puntata della trasmissione ‘Realiti’, andata in onda su Rai 2 la settimana scorsa. Titolare del fascicolo è il procuratore aggiunto Carmelo Petralia, che ha delegato le indagini alla polizia postale di Catania, che dovrà acquisire i video della trasmissione. Al centro dell’inchiesta le dichiarazioni di due cantanti neomelodici: Leonardo Zappalà, presente in studio, e Niko Pandetta, nipote del boss ergastolano Salvatore Cappello, sui giudici Falcone e Borsellino.

Al centro dell’indagine le dichiarazioni di due cantanti neomelodici sui giudici Falcone e Borsellino: Leonardo Zappalà e Niko Pandetta

La procura di Catania ha aperto un’inchiesta, al momento senza indagati, sulla prima puntata della trasmissione ‘Realiti’, andata in onda su Rai 2 la settimana scorsa. Titolare del fascicolo è il procuratore aggiunto Carmelo Petralia, che ha delegato le indagini alla polizia postale di Catania, che dovrà acquisire i video della trasmissione.

Al centro dell’inchiesta le dichiarazioni di due cantanti neomelodici: Leonardo Zappalà, presente in studio, e Niko Pandetta, nipote del boss ergastolano Salvatore Cappello, sui giudici Falcone e Borsellino.

Ti potrebbero interessare anche:

Il Papa: Gesù avvocato e non giudice, è il capo-cordata che ci conduce a Dio
Blocco stradale al Brennero contro falso made in Italy, fermati i tir
VERSO IL SINODO/La realtà del cammino
ISLAM/ Parrocchia di Cremona contro la presenza di musulmani in Chiesa
Brescia, violenta unʼanziana di 87 anni: in manette un 32enne
Studentessa cinese morta a Roma, un fermo e una denuncia



wordpress stat