| categoria: Dall'interno

La procura di Catania apre inchiesta su puntata “Realiti

113540672-7ff0ff55-7b69-4bff-886e-c934bbe784c4Al centro dell’indagine le dichiarazioni di due cantanti neomelodici sui giudici Falcone e Borsellino: Leonardo Zappalà e Niko Pandetta

La procura di Catania ha aperto un’inchiesta, al momento senza indagati, sulla prima puntata della trasmissione ‘Realiti’, andata in onda su Rai 2 la settimana scorsa. Titolare del fascicolo è il procuratore aggiunto Carmelo Petralia, che ha delegato le indagini alla polizia postale di Catania, che dovrà acquisire i video della trasmissione. Al centro dell’inchiesta le dichiarazioni di due cantanti neomelodici: Leonardo Zappalà, presente in studio, e Niko Pandetta, nipote del boss ergastolano Salvatore Cappello, sui giudici Falcone e Borsellino.

Al centro dell’indagine le dichiarazioni di due cantanti neomelodici sui giudici Falcone e Borsellino: Leonardo Zappalà e Niko Pandetta

La procura di Catania ha aperto un’inchiesta, al momento senza indagati, sulla prima puntata della trasmissione ‘Realiti’, andata in onda su Rai 2 la settimana scorsa. Titolare del fascicolo è il procuratore aggiunto Carmelo Petralia, che ha delegato le indagini alla polizia postale di Catania, che dovrà acquisire i video della trasmissione.

Al centro dell’inchiesta le dichiarazioni di due cantanti neomelodici: Leonardo Zappalà, presente in studio, e Niko Pandetta, nipote del boss ergastolano Salvatore Cappello, sui giudici Falcone e Borsellino.

Ti potrebbero interessare anche:

Fitness, un italiano su due iscritto in palestra
MILANO/Minori: 100 mila maltrattati in Italia, presentato un vademecum per i medici
Salone del Libro, il presidente Picchioni indagato per peculato
FIRENZE/ Aggredita dal convivente fugge dal tetto e chiede aiuto
Incidente choc nel Teramano: suv travolge auto, 2 morti e un ferito
Migranti: operazione polizia contro rete criminale, 38 fermi



wordpress stat