| categoria: economia

AUTOSTRADE: CONFINDUSTRIA, RISCHIO STOP A INVESTIMENTI

Atlantia giù in Borsa con pedaggi, nega trattative su Telepass
La prospettiva di un taglio dei pedaggi rischia di bloccare gli investimenti nelle autostrade. A lanciare l’allarme è Confindustria mentre i timori di un impatto sui risultati societari affossano a Piazza Affari i concessionari. L’associazione degli industriali esprime «forte preoccupazione per la situazione di incertezza e di potenziale conflittualità in cui rischia di entrare l’intero sistema nazionale delle concessioni autostradali», alla luce del via libera dell’Autorità di regolazione dei trasporti al nuovo sistema tariffario. «Va assolutamente evitata l’apertura di un contenzioso che potrebbe portare al blocco degli investimenti autostradali, dannoso e inaccettabile per le prospettive di ripresa e per l’immagine internazionale del nostro Paese», è il messaggio di Confindustria che auspica «si apra un confronto tra Governo e concessionarie». «Alcuni provvedimenti del governo non vanno nella direzione auspicata e la cosa ci preoccupa non poco», interviene il presidente dell’associazione, Vincenzo Boccia, citando fra gli «atti unilaterali» dell’esecutivo proprio quello «in merito alle concessionarie autostradali». Nel dubbio che il governo possa mai aprire un negoziato per arrivare a una soluzione condivisa in Borsa le vendite piegano intanto i titoli dei concessionari. A farne le spese è soprattutto Atlantia, che lascia sul terreno il 4,31%. Su un altro fronte la società che fa capo ai Benetton nega trattative in corso per cedere una quota di Telepass, secondo indiscrezioni pari al 30%, anche se ammette di aver ricevuto in questi mesi «numerose richieste di informazioni e manifestazioni di interesse da parte del mercato». Sempre nel gruppo di Ponzano Veneto Autostrade Meridionali perde l’1,88% e il quadro tariffario, peggiore di quello attuale, penalizza anche le aziende autostradali dei Gavio, Astm (-2,19%) e Sias (-2,21%). Di diverso avviso, rispetto alle posizioni espresse alla vigilia, ancora prima di Confindustria, dall’Aiscat, sono le associazioni dei consumatori. Per il presidente dell’Unione nazionale consumatori, Massimiliano Dona, «Si tratta solo di uno stop a rincari dei pedaggi ingiustificati, concessi in passato troppo spesso a fronte di investimenti farlocchi e servizi per gli utenti rimasti invariati». Secondo il Codacons il nuovo sistema tariffario consentirà «un controllo reale e costante degli investimenti annunciati, ponendo fine a rincari dei pedaggi che non erano giustificati da un reale miglioramento delle infrastrutture o della sicurezza. Maggiore trasparenza e certezza per gli automobilisti che non mette certo a rischio gli investimenti».

Ti potrebbero interessare anche:

Tesoro, non esiste alcun pericolo per conti Stato
Stretta sul redditometro, al via tra poche settimane
Rallenta il peso del fisco,potere d'acquisto delle famiglie ancora giù
Visco: 'Essere laureati in Italia rende meno che all'estero, soprattutto per i giovani'
Luxottica sprofonda in Borsa (-6%) con addio di Guerra
FOCUS/ Migranti, Squinzi: ora ridiamo lavoro agli italiani



wordpress stat