| categoria: società

Scale mobili vs tappeti mobili: quali differenze?

SCALEMOBILILi troviamo in qualsiasi centro commerciale, in metro o in qualsiasi altra struttura. Stiamo parlando delle scale mobili e dei tappeti mobili che, spesso, vengono erroneamente utilizzati come sinonimi. Questi, infatti, differiscono per importanti caratteristiche di natura tecnica e, in misura inferiore, per specificità normative. 

Le scale mobili

Partiamo col dire che le scale mobili sono, ovviamente, impianti elevatori costituiti da gradini in movimento che, trascinati meccanicamente, mantengono la posizione orizzontale. Rampa e gradini si spostano rapidamente e a velocità costante, verso l’alto o verso il basso.

Salire o scendere dalle scale mobili è facile e sicuro, grazie all’allineamento delle due estremità al terreno. Ecco l’origine dell’inconfondibile forma a “S” stirata delle scale mobili.

Queste, quindi, spostano le persone, contemporaneamente e da una zona all’altra, anche su lunghe distanze. Si muovono verso l’alto e verso il basso e solitamente sono distribuite in coppia. Ma non solo: trasportano le persone automaticamente, quando accese. Richiedono minimo sforzo fisico e offrono più spazio a ciascun passeggero, rispetto a un tradizionale ascensore.

La scala mobile risponde alle norme UNI EN 115-1 dove viene descritta come una scala inclinata che viene azionata da un motore che lavora in movimento senza fine: il suo impiego, infine, è dedicato al trasporto di persone grazie a una superficie orizzontale che trasporta l’utente effettuando una salita o una discesa.

I tappeti mobili

I tappeti mobili sono simili alle scale mobili, ma presentano diverse differenze strutturali. Nel caso di tappeti, per esempio, non ci sono gradini. La “rampa” muove un nastro metallico provvisto di allacciamenti per i carrelli della spesa e per la salita e la discesa di carrozzine per disabili.

Proprio come le scale mobili, anche i tappeti sono un valido aiuto e una soluzione contro le barriere architettoniche.

Un’altra tipologia di tappeto mobile è il marciapiede: la differenza principale è la pendenza. Mentre i tappeti lavorano in pendenza, i marciapiedi mobili muovono le persone lungo un piano orizzontale. Questa soluzione è molto utilizzata nelle stazioni della metro, in aeroporti o dove le persone hanno esigenza di spostarsi per parecchi metri trasportando bagagli pesanti.

La principale differenza tra questi due eccellenti prodotti è costituita dall’angolo di inclinazione: se nelle scale mobili questo non è maggiore di 30 gradi (si arriva ai 35 gradi quando lo spazio a disposizione è davvero ristretto) per i tappeti mobili l’angolo di cui stiamo parlando non deve essere maggiore di 12 gradi.

Le installazioni più recenti di scale e tappeti mobili riescono a regolare il proprio funzionamento automaticamente, questo significa che quando mancano i passeggeri questi mezzi sono capaci di fermarsi invece di avere un funzionamento continuo.

Nel pianificare la costruzione delle scale mobili è importante prendere in considerazione le tipologie di impianto, si può optare per un sistema di funzionamento solo in salita, solo in discesa o in entrambi i sensi. All’interno di un grande centro commerciale, dove l’obiettivo è quello di incrementare le vendite nei piani superiori, è fondamentale e strategico installare un sistema di scale mobili in entrambi i sensi.

Ti potrebbero interessare anche:

Boom di prenotazioni per il viagra rosa: vale già un miliardo
Vacanze, il souvenir piú popolare é diventato il cibo
Twitter, anche i Carabinieri sbarcano sul social
Addio al designer Richard Sapper, padre della lampada Tizio
Donna sceglie il vino nel 34% dei casi e ordina bianco, bio, e prezzo medio
Roma e Milano è boom per il food delivery



wordpress stat