banner speciale sanremo 2020
| categoria: sanità Lazio

GRILLO, ‘NEL LAZIO CRISI PRONTO SOCCORSO RESPONSABILITÀ GOVERNATORÈ

«C’è una gerarchia di responsabilità. L’ospedale San Camillo di Roma», ad esempio, «è amministrato da un direttore generale, una persona nominata dal presidente della Regione Lazio, profumatamente pagata per raggiungere degli obiettivi. Se non li raggiunge, il presidente di Regione, che nella fattispecie nel Lazio è anche commissario alla sanità, ha non la possibilità, bensì il dovere di mandarlo via». A dirlo, intervistata a ‘In viva vocè su Radio Rai 1, è il ministro della Salute Giulia Grillo, riferendosi alle difficoltà riscontrate nel pronto soccorso dell’ospedale romano. «Io ho girato molti ospedali – ha specificato Grillo – e queste sono situazioni comuni, ma c’è un’autonomia regionale e nel Lazio addirittura la figura del governatore e quella del commissario coincidono. Poi si sta discutendo ora di dare possibilità al ministero di intervenire in caso di inerzia da parte dell’amministrazione regionale. Ma ad oggi io non posso intervenire, perché c’è l’autonomia regionale. Le Regioni vogliono l’autonomia organizzativa, ma poi quando non fanno le cose e il cittadino non viene soddisfatto nella sua esigenza di salute, non si può fare niente. Questa cosa non è accettabile ed è in discussione proprio ora nel Patto per la salute».
Io – ha aggiunto Grillo- ho dato la possibilità di contrattualizzare i precari, ho riformato la medicina generale, in un anno ho fatto tutto quello che non hanno fatto gli altri; però ora le Regioni si devono dare una mossa, i fondi li hanno per fare le assunzioni in maniera stabile, a meno che non vogliano continuare ad alimentare il precariato. Gli strumenti normativi glieli abbiamo dati, e ne sto cercando altri per intervenire in casi come questo. Ma se c’è un’inerzia il presidente di Regione deve rimuovere quel direttore generale; mi rendo conto che c’è una sorta di conflitto di interesse in questa cosa perché evidentemente nominando si ha difficoltà a valutare il proprio nominato, mi sembra chiaro».

Ti potrebbero interessare anche:

Alzheimer e tumori, malattie "rivali"
Un anno fa chiudeva l'ospedale di Anagni, ecco la situazione odierna
IMBARAZZO GIUNTA/ In Regione i licenziamenti (c'è anche una deputata Pd) alla Rsa di Cineto Romano
Tagli alle Rsa, assistenza a rischio per i pazienti dell'Assohandicap onlus di Marino
Storace: «Zingaretti abbandona 70mila malati di anemia»
Viterbo, i precari della sanità restano tali



wordpress stat