| categoria: Roma e Lazio

Fino a 5 euro per una bottiglietta, c’è il racket dell’acqua gelata

Roma, il racket dell’acqua gelata: fino a 5 euro per una bottigliettaUna famiglia di turisti cammina sotto il sole verso il Colosseo: cappellino d’ordinanza in testa, provano a darsi un po’ di fresco sventolando un ventaglio. A poca distanza un venditore abusivo bengalese li nota e si avvicina a passo rapido. Da una busta estrae una bottiglietta di acqua gelata e gliela offre in vendita. La famiglia non ci pensa due volte, e anche se per dissetarsi sono costretti a pagare 3 euro, afferrano l’acqua ghiacciata e spengono l’arsura. Lui incassa e se ne va, in cerca della prossima “preda”. Scene ormai ordinarie in centro, dove con l’estate e con l’aumento delle temperature si assiste a un’invasione di venditori ambulanti di bottigliette d’acqua. Sono tanti. Lavorano in gruppi da 10-15 persone intorno ai siti più frequentati dai turisti. Colosseo, piazza di Spagna, piazza Navona, Fori Imperiali, piazza Venezia e Bocca della Verità, piazza del Popolo: dove c’è un turista assetato spunta un ambulante abusivo. Il prezzo? Acquistate a pochi centesimi, vengono vendute a uno o 2 euro agli italiani, da 3 fino a 5 euro agli stranieri.
Ma quello che sta emergendo dalle operazioni condotte dagli agenti del Pics decoro urbano del comandante della Polizia locale Antonio Di Maggio è una vero e proprio “racket” che organizza e gestisce il “business” secondo zone esclusive difese anche con la violenza, con un sistema pensato nei dettagli per sfuggire ai controlli. Le cifre in ballo, d’altra parte, sono importanti. «Quando riusciamo a prenderli, di sera, non gli troviamo mai in tasca meno di 150 euro – racconta il funzionario del Pics Franco Granieri – Ma fermarli è difficile, non si portano mai dietro più di 4-5 bottigliette, così le possono abbandonare tranquillamente e fuggire tra la folla senza perdere troppi soldi». Tutta l’organizzazione è in mano a cittadini bengalesi. «Escono in strada intorno alle 7 del mattino trasportando grossi borsoni o carrelli della spesa pieni di bottigliette e si dirigono nelle rispettive zone – spiega Granieri – Prima che cominci la vendita, gli ambulanti provvedono a nasconderle nei posti più disparati: siepi, sportelli dei contatori, quadri elettrici, aree cantierate. Ma non solo. Mettendo a rischio la salute di chi le compra, le bottigliette vengono occultate anche in tombini, cestini dei rifiuti, anfratti sporchi». Come spesso sono sudice le bottigliette, dalle quali a volte cola anche una condensa nerastra per la polvere e il grasso che le ricoprono.
Fermare gli ambulanti, come sottolineato dagli investigatori, è difficile. Non solo perché mollano le bottigliette e fuggono, ma anche perché spesso vengono avvistati da apposite vedette che inviano messaggi via Whatsapp quando vedono pattuglie delle forze dell’ordine nelle vicinanze. Difficile anche acciuffare i “fornitori”. «Nella maggior parte dei casi sono i gestori dei minimarket – continua l’investigatore del Pics – Ma non le tengono nei loro negozi, dove potremmo trovarle durante i controlli, bensì nelle abitazioni». Due di questi, nel luglio dello scorso anno, furono arrestati dai carabinieri.

Quanto agli ambulanti, quando vengono fermati, poi, non è la multa a fare da deterrente. Perché, paradossalmente, è troppo alta. «I venditori abusivi sono sanzionati con una multa di 5.174 euro, che non pagheranno mai – continua l’investigatore della Polizia locale – e nemmeno temono le cartelle esattoriali visto che sono nullatenenti. Sarebbe meglio una sanzione di 100-200 euro». In realtà, quello che manca è una capillare opera di informazione ai turisti, sia a opera delle istituzioni sia degli operatori: alberghi, case vacanza, B&B, campeggi. Anche perché l’acqua, nel centro di Roma, tra “nasoni”, negozi e negozietti proprio non manca. Piuttosto che sborsare anche 5 euro per mezzo litro d’acqua, con il rischio di farsi venire una gastroenterite, meglio resistere qualche minuto e bere acqua fresca e garantita.

Ti potrebbero interessare anche:

Rischio crolli per lavori sul Gra, sette rischiano il processo
Emergenza-bilancio, Marino rassegnato alle larghe intese in Campidoglio per sopravvivere
Acilia, aggredito un altro autista di bus. "Un automobilista lo ha seguito e picchiato"
Roma, Rita Dalla Chiesa si ritira dalla corsa a sindaco: "Penso alla mia famiglia"
Borgo Pio, ha aperto il McDonald's delle polemiche
RECORD BUS INCENDIATI, 19 NEL 2018



wordpress stat