| categoria: sanità

Al Meeting di Rimini si parla anche di medicina, di sanità e di Be Human

MENEGHINI & ASSOCIATI ALL’APPUNTAMENTO CON LE SUE ESPERIENZE E LE SUE PROPOSTE

– Meeting per l’amicizia chiama, Meneghini & Associati risponde. L’agenzia di comunicazione non è mancata al tradizionale appuntamento che ogni anno, dal 1980, si svolge a Rimini. Tema di quest’anno “Nacque il tuo nome da ciò che fissavi”, il verso di Papa Wojtyla che fa da fil rouge a un’edizione dedicata alla ricerca di bellezza, verità e giustizia e che risponde al bisogno di instaurare un rapporto con la realtà da cui possa nascere l’identità di ciascuno. Cuore della kermesse i moltissimi incontri che vedono protagonisti illustri personaggi della politica e della cultura, fra cui: Maria Elisabetta Alberti Casellati, Edoardo Bennato, Gioele Dix e numerosi personaggi del mondo dello sport, da Javier Zanetti ad Alex Schwazer.
All’interno del Meeting per l’amicizia trova spazio anche la terza edizione del Meeting Salute, che riunisce gli opinion leader del mondo medico-scientifico: è proprio in questo contesto che Meneghini & Associati ha raccontato il suo know-how nel mondo della sanità e la sua esperienza in termini di servizi non solo per le aziende ospedaliere, ma anche, e soprattutto, per le persone. L’Agenzia di comunicazione ha raccontato una storia che si intitola Be Human: un progetto nato con l’intento di trasformare l’ambiente ospedaliero in una dimensione più umana. Be Human nasce all’interno di PPS – Progetto Partner in Sanità – attraverso cui Meneghini & Associati è concessionaria leader in Italia per la comunicazione in oltre 300 strutture ospedaliere del Nord e Centro Italia (fanno parte del network Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Toscana e Lazio). Meneghini & Associati ha raccontato giovedì 22 Be Human e le numerosissime le sfumature di cui si colora al “popolo del Meeting” .
Molti i progetti che fanno capo a Be Human: Bookcrossing in corsia, un progetto condiviso di Psicologia Ospedaliera finalizzato ad accrescere il benessere dei pazienti e a ridurre lo stress del ricovero ospedaliero; Qua la zampa, un progetto che valorizza la pet therapy come cura di anziani e bambini; Elisir, la piattaforma digitale di interpretariato che sfrutta tecnologie informatiche di ultima generazione per la comunicazione tra il personale medico e l’utenza affetta da patologie uditive e sordità; di Street Art & riqualificazione urbana, pensato con l’intento di riqualificare pareti di stabili ospedalieri datati o in condizioni di degrado attraverso l’arte urbana; o, ancora, di Art Teraphy in ospedale, progetto per la diffusione nei corridoi ospedalieri di riproduzione di opere d’arte.

Ti potrebbero interessare anche:

ASL BENEVENTO/Sei provvedimenti restrittivi nell'inchiesta
Abruzzo, la rete per digitalizzare la sanità? Costata 7 milioni e mai partita
FARMACI/ Aifa, spesa ospedaliera ancora in rosso
Depressione male del millennio, dieci regole per batterla
“Usa le scale”. Avvisi sugli ascensori come sui pacchetti di sigarette, la proposta del presidente d...
CONVEGNO/ Art.32: "La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e in...



wordpress stat