| categoria: sanità Lazio

Gioco d’azzardo: in ASL Roma 1 c’è l’ambulatorio specialistico


Una struttura dedicata a chi soffre di un disturbo psichico che colpisce oltre un milione e mezzo di italiani

Un fenomeno in crescita costante che secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) riguarda un milione e mezzo di giocatori. Parliamo del Gioco d’Azzardo Patologico, il disturbo psichico per il quale la ASL Roma 1 ha aperto percorsi specifici dedicati a chi ne soffre. A definirlo ci ha pensato l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) per cui si tratta di “una forma morbosa chiaramente identificata, che in assenza di misure idonee di informazione e prevenzione, può rappresentare, a causa della sua diffusione, un’autentica malattia sociale”. Proprio per questo motivo l’azienda sanitaria capitolina offre ai cittadini che risiedono sul territorio di competenza un servizio ad hoc con attività ambulatoriali e professionisti che seguono il paziente durante tutto il percorso di cura. Si parte da una prima valutazione per individuare il livello di gravità del DGA (lieve, moderato e grave) fino ad arrivare all’individuazione degli step da seguire per superare il problema. Scendendo nel dettaglio esistono tre tipi di giocatori: condizionati nel comportamento; emotivamente disturbati a causa di dipendenze familiari o maltrattamenti subiti nell’infanzia; con correlati biologici, ovvero che corrono il rischio di avere comportamenti antisociali o di abusare di sostanze. Ad ogni tipologia corrisponde una terapia diversa. Infine è presente anche un percorso dedicato esclusivamente alle donne dove oltre al percorso individuale, che prevede colloqui motivazionali, psicoeducazione e psicoterapia c’è anche l’opportunità di partecipare a gruppi di terapia al femminile. I servizi dedicati al Gioco d’Azzardo Patologico si trovano in Via Fornovo 12 (lun ore 9.00 – 13.00 / 14.00 – 18.00; mer, gio e sab ore 9.00 – 13.00) e Largo Rovani 5 (lun-ven ore 8.00-14.00 e sab ore 8.00-13.00).

Ti potrebbero interessare anche:

Accordo Umberto I-Regione, proroga per 600 infermieri
IL GRAN RIFIUTO/ Il manager scelto per la Asl di Rieti rinuncia, figuraccia di Zingaretti
TUMORI/ Al Regina Elena "Insieme più belle", make up contro la malattia
LA DENUNCIA/ Pronto soccorso e sale operatorie senza elettricità, è caos al S.Camillo
Parte il servizio pediatri in ambulatorio nel weekend (a Roma e in 5 presidi)
Il Gruppo INI protagonista al Moscow Medshow



wordpress stat