| categoria: attualità

Salvini a Pontida: ‘Se smontano il dl sicurezza pronti a referendum’

A Pontida è il giorno del grande raduno leghista. Fin dalla prima mattina i militanti del Carroccio hanno cominciato ad affluire sul prato, dove gli organizzatori si attendono 80mila presenze. In prima fila sventolano due bandiere dell’Italia. Sul fondale del palco campeggia lo slogan “La forza di essere liberi”, sovrastata da una striscia tricolore. I militanti hanno contestato e insultato il giornalista Gad Lerner. Aggredito anche un videomaker, collaboratore di Repubblica, al quale è stata rotta la videocamera mentre cercava di riprendere un militante che gridava “Mattarella mafioso”.

“Bagno di folla per il leader Matteo Salvini. Vengo qui da 26 anni e una giornata così non l’ho mai vista, colonne enormi di auto, di pullman – ha detto il segretario federale della Lega incontrando i giornalisti -. Qualcuno immaginava una giornata triste, invece sarà una Pontida mai vista. Vogliamo un governo del popolo contro un governo del palazzo”.

“Il problema è che l’Italia torna ad essere un campo profughi. Lo vedremo nelle prossime settimane. Le ong hanno festeggiato. Se smonteranno il decreto sicurezza sarà un’altra occasione di referendum, perché sia il popolo ad opporsi alle scelte del palazzo. Sull’immigrazione la vede grigia nei prossimi mesi, la vedo male” dice Salvini.

Gli alleati del centrodestra “sono d’accordo con un referendum sulla legge elettorale. Ne avevo parlato con entrambi”, ha detto Salvini aggiungendo: “Io voglio che ogni italiano sappia per chi vota, senza che ci siano partitini che tengono in ostaggio il Paese”.

“Il problema è che l’Italia torna ad essere un campo profughi. Lo vedremo nelle prossime settimane. Le ong hanno festeggiato. Se smonteranno il decreto sicurezza sarà un’altra occasione di referendum, perché sia il popolo ad opporsi alle scelte del palazzo. Sull’immigrazione la vede grigia nei prossimi mesi, la vedo male”. Così Matteo Salvini.

Salvini show a Pontida, tra bagni di folla, cori da stadio e entusiasmo alle stelle, in un clima lontanissimo dalle delusioni ‘romane’. Alla vigilia della tradizionale kermesse leghista, il segretario federale incassa l’abbraccio del suo popolo e rilancia la sfida al governo ‘giallorosso’ sul fronte della legge elettorale annunciando un referendum contro il ritorno del proporzionale. Ipotesi che non dispiace per nulla a Forza Italia (anche se si registrano distinguo da parte di alcuni esponenti azzurri), segno evidente di una sintonia ritrovata nel centrodestra dopo l’incontro tra lo stesso Salvini e Silvio Berlusconi. “Questo governo e la maggioranza dei perdenti che lo sostiene – commenta all’ANSA l’azzurro Giorgio Mulè – non ha alcuna legittimità per varare una misura che incide nel tessuto vitale della democrazia: è giusto che se non esiste in Parlamento uno schieramento ampio e trasversale siano gli italiani a decidere”. Contro quello che la Lega definisce l’inciucio Pd-M5s, Salvini morde il freno: “Se cinque regioni lo approvano entro settembre si va al referendum in primavera”.

E dal raduno dei giovani della Lega dal deputato Vito Comencini sono arrivati insulti a Mattarella. “Posso dirlo? Questo Presidente della Repubblica mi fa schifo! Mi fa schifo chi non tiene in conto del 34% dei cittadini” afferma Comencini intervenendo all’assemblea della Lega Giovani, in una tensostruttura vicino al pratone di Pontida. “Certo – conclude – anche Pertini baciò la bara di Tito, quello che ha fatto le foibe”.

Ti potrebbero interessare anche:

India, tre imputati dello stupro-omicidio si dichiarano non colpevoli
Gara di solidarietà per Gammy, il bimbo down rifiutato che ha commosso il mondo
Clamoroso, non luogo a procedere per il marito di Roberta Ragusa
SCHEDE/ Da Mengozzi a Cimoli, gli anni dell'agonia di Alitalia
Consiglio supremo Difesa: «Italia pronta a missione militare in Libia»
Di Maio alza la posta, 'Programma M5s o voto'



wordpress stat