| categoria: Roma e Lazio

QUI PISANA/ Sliding doors in Forza Italia

Rientra Cangemi, esce Aurigemma. Nel Misto arrivano i “totiani”

Imbarazzante, decisamente imbarazzante. Operazione “sliding doors” in Forza Italia alla Pisana ma non è un bel film da vedere. Non bastavano i giri di valzer tra Pd e M5S, ci si mette anche il Centro destra e lo spettacolo non è gradevole Escono dal gruppo Forza Italia i consiglieri Adriano Palozzi e Pasquale Ciacciarelli, i nuovi ‘totiani’. L’adesione dei due a Cambiamo, il movimento del presidente della Regione Liguria, ex azzurro, Giovanni Toti, è stata sancita in conferenza stampa. Confluiranno con la loro componente nel Misto (per formare un nuovo gruppo la normativa prevede un minimo di tre eletti). Uno strappo già annunciato in estate quando a Forza Italia gli scissionisti diedero il loro ultimatum. “Rinnovamento, radicamento sui territori e trasparenza” le parole chiave lanciate da Adriano Palozzi, tra i fondatori. “Il nostro scopo fondamentale sarà quello di tutelare i diritti dei cittadini – ha spiegato – attraverso un’opposizione concreta nei confronti di una amministrazione regionale, quella guidata dal presidente Zingaretti, assolutamente fallimentare su tutti i fronti: dalla sanità al sociale, dallo sviluppo economico alla mobilità”. Secondo elemento che spariglia le carte: il rientro dalla finestra di Giuseppe Cangemi, vicepresidente d’aula che in forza del ruolo accordatogli da Zingaretti un anno fa, ha fatto da stampella alla maggioranza zoppa del Pd con il famoso, e criticato, “patto d’aula”. Ne dà notizia tramite nota stampa il capogruppo Pino Simeone, ottimista sul futuro dei berlusconiani al netto del calo di consensi a livello nazionale e del peso sempre minore del partito nell’area di destra. “Si apre una fase nuova – dichiara – l’auspicio è che si possa rafforzare ulteriormente la presenza e la credibilità di Forza Italia a Roma. Per noi la Capitale resta centrale nel piano di rilancio del partito nella regione Lazio e nel Paese”. Del collega tornato all’ovile loda la “coerenza nel percorso politico”.

Ma altro che coerenza per la Lega, che va all’attacco e proprio a Cangemi chiede un passo indietro: “Si dimetta dal ruolo di vicepresidente dell’Assemblea regalato da Zingaretti”. Già, che ne sarà del patto d’aula? Verrà sostenuto anche da Forza Italia? “Mai col Pd è una condizione imprescindibile per ricostruire un centrodestra vincente nel Lazio” tuona il capogruppo leghista in Consiglio regionale Orlando Tripodi. Sul punto è netto: “Non parteciperemo più ai tavoli del centrodestra qualora fosse presente Forza Italia, almeno fino a quando non faranno chiarezza”.

Le porte girevoli però non finiscono qui. Sullo stessa linea leghista anche Antonello Aurigemma, che lascia Forza Italia in polemica proprio con il reingresso di Cangemi. “Sono e sarò sempre azzurro nell’animo ma non mi riconosco nel contenitore” ha detto all’agenzia di stampa AdnKronos. Ma riaccogliere a braccia aperte Cangemi nel gruppo viene interpretato come contestuale apertura a un possibile appoggio al centrosinistra: “Tradotto significa che Fi entrerebbe a far parte integrante del patto d’Aula”. Aurigemma però non sceglie Cambiamo di Toti. E nelle stanze della Pisana i rumor lo danno in contatto con esponenti di Fratelli d’Italia. Francamente uno spettacolo poco dignitoso.

Ti potrebbero interessare anche:

Maltempo a Roma: fino a stasera l'allerta della Protezione civile
Bonifica del campo rom 'La Barbuta' a costo zero: ci pensa Leroy Merlin
Umberto I: otto ore di attesa per un codice giallo
IN PRIMO PIANO/ La scelta obbligata del M5S, far finta di essere sani
Cassonetti e rifiuti a fuoco a Capodanno: bruciate auto e moto
NUOVA ILLUMINAZIONE A CASTEL SANT'ANGELO, 220 PROIETTORI ACEA



wordpress stat