| categoria: riceviamo e pubblichiamo

Vespa, la Rai intervenga per garantire il rispetto del codice etico aziendale

L’Associazione Stampa Romana mette in rete per gli iscritti una nota che volentieri riprendiamo e pubblichiamo:

L’intervista di Bruno Vespa a Lucia Panigalli, scampata miracolosamente a un tentativo di femminicidio, viola il Testo Unico dei Doveri del Giornalista e il Codice Etico della Rai. Per questo la Commissione Pari Opportunità di Stampa Romana presenta formale esposto al Consiglio di Disciplina dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio e alla Rai Radiotelevisione Italiana nelle persone del presidente Marcello Foa e dell’amministratore delegato Fabrizio Salini.

Al Consiglio di Disciplina dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio
Raccomandata a Mano

All’Amministratore delegato Rai Fabrizio Salini

PEC: raispa@postacertificata.rai.it

Al Presidente Rai Marcello Foa

PEC: raispa@postacertificata.rai.it

La Commissione Pari Opportunità di Stampa romana, riunitasi in seduta il 18 settembre 2019, espone quanto segue:

– Il 17 settembre 2019 andava in onda su Rai 1 una puntata del programma “Porta a Porta”;

– Nel corso della puntata il conduttore e collega Bruno Vespa intervistava Lucia Panigalli, sopravvissuta al tentativo di femminicidio per mano dell’ex compagno;

– Condannato a 8 anni e sei mesi, durante la detenzione commissionava a un compagno di cella l’assassinio della signora Panigalli;

– Denunciato dal compagno di cella, l’ex compagno della signora Panigalli, veniva processato e assolto;

– Lucia Panigalli vive da allora nel terrore di perdere la vita nonostante le sia stata assegnata una scorta;

– Nel corso dell’intervista, Bruno Vespa – attraverso le domande poste e le ripetute risatine a corredo – ha violato alcuni dei principi base individuati dalla Rai nel suo Codice etico, che richiede in particolare “il rigoroso rispetto della deontologia professionale da parte dei giornalisti e di tutti gli operatori del servizio pubblico, i quali sono tenuti a coniugare il principio della libertà con quello di responsabilità nel rispetto della dignità della persona”

– L’intervista viola anche alcuni articoli dell’Allegato 1 del Testo Unico dei Doveri del Giornalista: in particolare quelli che riguardano la tutela della dignità della persona (art. 8) e la tutela al diritto alla non discriminazione (art.9).

Ci riferiamo, nel dettaglio, ad alcune delle affermazioni fatte da Bruno Vespa nel corso dell’intervista e che contribuiscono alla “vittimizzazione secondaria”(vietata dalla Convenzione di Istanbul, ratificata dall’Italia nel 2013) di Lucia Panigalli, presentata come una donna “fortunata” che ha scampato un pericolo.

– “Lei è protetta: non corre rischi”

– “Diciotto mesi sono un bel flirtino”

– “Ma era così follemente innamorato da volerla dividere solo con la morte?”

– “Lei aveva una nuova relazione?”

– “L’ha violentata?”

– “Lei è protetta; l’aggressore ha il divieto di avvicinarsi; più di questo non si può fare”.

– “Quanto è durato il vostro amore?” (la domanda arriva dopo che Panigalli aveva appena osservato: “Quando sento associare la parola amore a quello che mi è successo, inorridisco”)

– “Però se avesse voluto ucciderla l’avrebbe uccisa”

Per queste ragioni – anche alla luce del Manifesto di Venezia che recepisce le raccomandazioni del Consiglio d’Europa sulla Prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica ratificata dall’Italia –

Chiediamo

– Al Consiglio di disciplina dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, di adottare i provvedimenti del caso;

– Alla Rai Radiotelevisione Italiana di valutare l’intervista di Bruno Vespa alla signora Lucia Panigalli, andata in onda il 17 settembre 2019 all’interno di “Porta a Porta”, alla luce del suo codice etico.

Roma, 18 settembre 2019

Commissione Pari Opportunità di Stampa Romana

Ti potrebbero interessare anche:

La "tolleranza zero" è solo nei confronti del Cavaliere
Lettera aperta al sindaco Montino/ Notte Bianca, Palidoro esclusa
Controlli? Odiosi per chi ha qualcosa da nascondere
Appello dei Vigili del Fuoco al Governo
UNA SORPRESA AMARA, MA CHE IN FONDO NON SORPRENDE
San Giovanni Addolorata, proteste e nuovo appalto per il servizio di operatori socio-sanitari



wordpress stat