| categoria: sanità Lazio

Disturbo da deficit di attenzione e iperattività: allarghiamo gli orizzonti. Convegno a Latina

Dall’infanzia all’adolescenza e anche fino all’età adulta, è necessario pensare alle traiettorie dell’ADHD (disturbo da deficit di attenzione e iperattività), considerando le possibili evoluzioni negative, tra cui troppo spesso l’uso di sostanze, che si verificano con più frequenza, proprio nelle persone e nei ragazzi che da bambini non sono stati diagnosticati e che mai hanno potuto effettuare terapie per l’ADHD. Con questo incontro intendiamo approfondire gli aspetti che riguardano l’ADHD e le dipendenze, le terapie farmacologiche appropriate e la realtà delle comunità psicosociali per minori».
A dirlo è Patrizia Stacconi, presidente dell’AIFA (Associazione Italiana Famiglie ADHD-disturbo da deficit di attenzione e iperattività), presentando il convegno intitolato ADHD: allarghiamo gli orizzonti, organizzato per il pomeriggio oggi , sabato 21 settembre, a Latina (Park Hotel Latina, Strada Statale 156 Monti Lepini, 25, ore 14.30-19).

Moderati da Anna Di Lelio, che dirige l’Unità Operativa Complessa di Neuropsichiatria Infantile ed è responsabile del Centro di Riferimento per l’ADHD nell’ASL di Latina, i lavori saranno introdotti dai saluti di Patrizia Stacconi, di Damiano Coletta, sindaco di Latina e di Gianmarco Proietti, assessore comunale alla Pubblica Istruzione.
Successivamente sono previsti gli interventi di Pietro De Rossi, psichiatra del Polo Ospedaliero SS. Gonfalone Monterotondo, ASL Roma 5 (ADHD nell’adulto e dipendenze); Giovanni Fulvi, responsabile del Coordinamento Attività Educativa dell’Opera Nazionale Città dei Ragazzi e presidente del CNCM (Coordinamento Nazionale delle Comunità di Tipo Familiare per i Minorenni) (Organizzazione e realtà delle comunità psicosociali per minori); Maurizio Simmaco, biologo molecolare del Dipartimento Nesmos nell’Unità Operativa Dirigenziale di Diagnostica Molecolare Avanzata all’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma (Medicina personalizzata: una risorsa nelle terapie psichiatriche). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa AIFA (Francesca Mezzelani), ufficio.stampa@aifa.it.

L’ADH e le prevalenze dei disturbi del neurosviluppo
L’ADHD, acronimo inglese che sta per “disturbo da deficit di attenzione e iperattività”, è inserito nel DSM5 [“Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali”, quinta edizione del 2013, N.d.R.] tra i disturbi del neurosviluppo, indicandone una prevalenza di circa il 5% dei bambini e di circa il 2,5% negli adulti. Esso è caratterizzato da difficoltà di attenzione, di controllo della motricità e da impulsività. Il disturbo, inoltre, può assumere nelle persone diverse traiettorie evolutive, sia a seconda di eventuali altri disturbi associati, sia principalmente per l’appropriatezza/inappropriatezza della presa in carico terapeutica.
Tra le conseguenze più diffuse di un ADHD non trattato, vi sono l’abbandono degli studi, la perdita del lavoro, separazioni, frequenti incidenti e ritiro della patente, trascurare la propria salute, fino ad arrivare all’uso di sostanze e al commettere reati.
Per favorire un appropriato percorso di diagnosi e cura per i minori e gli adulti con ADHD, l’Associazione AIFA auspica al più presto la predisposizione di una normativa nazionale di riferimento, con Linee Guida ministeriali e una legge specifica, analogamente a quanto avvenuto per i disturbi dello spettro autistico e per i disturbi specifici dell’apprendimento (DSA).

Disturbi del Neurosviluppo/Prevalenze indicate nel DSM5
° Disabilità intellettiva: 1%
° Disturbi della comunicazione: prevalenza non indicata
° Disturbi dello spettro autistico: 1%
° Disturbo da deficit di attenzione e iperattività: 5% bambini, 2,5% adulti
° Disturbo specifico dell’apprendimento: 5-15% bambini, 4% adulti
° Disturbi del movimento: 5-6 %
(a cura dell’Ufficio Stampa AIFA)

Ti potrebbero interessare anche:

Consiglio di Stato contro Tar, confermato Suppa alla Asl di Frosinone
La cabina di regia della sanità costa 600mila euro. Per fare che cosa?
Asl di Viterbo, in arrivo negli ospedali 14 nuovi infermieri. Basteranno?
L’Intervento/ Si muove qualcosa? Macchè, la sanità laziale è congelata
Civita Castellana, in arrivo fondi per l'ospedale Andosilla
Coronavirus, a Roma 10 nuovi casi: sono undici in totale nel Lazio. I dati Asl del 4 giugno



wordpress stat