| categoria: esteri

Hong Kong, la polizia spara, gravissimo un manifestante

e

e

Gli scontri violenti sono maturati in 13 distretti, mentre in 9 sono stati usati più volte i lacrimogeni

La polizia di Hong Kong avrebbe colpito al torace un attivista dopo l’esplosione di spari a Hoi Pa Street, a Tsuen Wan. Lo riporta il South China Morning Post, secondo cui gli agenti avrebbero più volte sparato in aria colpi di avvertimento in diverse parti della città. C’è, ad esempio, l’episodio ripreso da un video postato sui social all’incrocio tra Waterloo Road e Nathan Road dove alcuni agenti, per sfuggire all’assedio degli attivisti, hanno appunto sparato alcuni proiettili.L’attivista ferito oggi dalla polizia di Hong Kong è in condizioni critiche.

Il governo ha emesso l'”allerta rossa” ordinando l’evacuazione “immediata” del complesso del parlamento per motivi di sicurezza. E’ quanto si legge in una nota, che segue gli scontri tra manifestanti e polizia tornata ad usare i cannoni ad acqua armati con il colorante blu.

La polizia ha reso noto di aver arrestato 51 persone e sequestrato una gran quantità di “armi e materiali sospetti”. Tra ieri e oggi, gli agenti hanno effettuato una serie di perquisizioni in 48 case.

L’Unione europea “continua a sottolineare che il dialogo, la moderazione e la de-escalation sono le uniche soluzioni”.

Dalle prime ore della mattina Honk Kong è teatro di nuovi, violenti, scontri tra i manifestanti e la polizia nel giorno del 70 mo anniversario della Repubblica Popolare cinese.

A Pechino, intanto, si è appena conclusa la maxi parata durata circa 3 ore dove hanno filato, per la prima volta, anche i missili intercontinentali mobili a combustibile solido DF41, i temuti vettori balistici capaci di raggiungere il territorio Usa in meno di un’ora. Durante l’ispezione delle truppe in limousine da parte del presidente Xi Jinping, che è anche commander-in-chief, si sono visti diversi missili, tra cui i DF58, i DF31 e i DF17. Enormi ritratti dei leader della Repubblica popolare, presenti e passati, sono apparsi nella grande parata militare a segnalare i simbolici passaggi della crescita e dell’evoluzione della Cina nei 70 anni dalla sua fondazione: il primo è stato Mao Zedong, seguito da quelli di Deng Xiaoping, Jiang Zemin e Hu Jintao. A chiudere quello dell’attuale leader, Xi Jinping, promotore della “nuova era”.

Ti potrebbero interessare anche:

IL PUNTO/ Blitz dei talebani nel cuore di Kabul
TERRORISMO/Obama, non lasciatevi terrorizzare, ma siate prudenti
Usa, spiragli di intesa su debito e shutdown
Trump, scontri e contestazioni al comizio: arresti e feriti, sospeso il raduno
Trump-Clinton, il duello dei colori
Gentiloni da Hollande: "Rilanciamo l'Ue, priorità crescita e lavoro"



wordpress stat