| categoria: sanità

L’INTERVENTO/ CHE SVENTURA LE AVVENTURE DI VENTURI!

di Vanessa Seffer
Parlarne o non parlarne? Questo è il problema. Perchè non sai mai se fai pure una cortesia.Il fatto è che in certe dichiarazioni, che hanno dell’incredibile, sembra ci siano delle evidenti manìe di protagonismo. Non si spiega altrimenti. Dare la colpa ai media non è sempre cosa buona e giusta. Riportiamo allora i fatti per come sono, appellandoci al buon senso di chi legge e nulla più. Sergio Venturi, assessore alla Sanità dell’Emilia Romagna, medico, già radiato dall’Ordine dei Medici di Bologna, ha dichiarato durante la riunione del Comitato di Settore Regioni-Sanità che “I medici sono diventati degli impiegati. Le professioni sanitarie si devono muovere senza aspettare la politica per rivendicare autonomia e nuove responsabilità”. Lo ha detto un assessore laureato in medicina, ribadiamo nel caso non fossimo stati sufficientemente chiari prima.Così scoppia la bufera. E ne stiamo parlando ancora, quel che è peggio!

La lista delle parole durissime di Venturi è molto lunga, così ecco il controcanto del Dott. Biagio Papotto, Segretario Generale della Cisl Medici Nazionale: “ La Cisl Medici ha sempre cercato di smorzare le polemiche fra le varie professionalità – ha detto Papotto – alimentarle non fa certo comodo né ai diretti interessati né tanto meno agli italiani. Oltretutto, il Dott. Venturi si è lasciato sfuggire maldestramente il costo di un medico e di un infermiere. Non ci si può non accorgere che il disegno è di voler risparmiare sui lavoratori. In pratica, si finge di voler valorizzare una categoria, gravandola di compiti maggiori ed aggiuntivi, senza retribuirla esattamente per quei compiti. In seconda analisi, qui si interviene a gamba tesa in un momento in cui c’è appena stato un cambio di governo con un esecutivo che pare voler cambiare rotta rispetto alle dirigiste impostazioni precedenti ed occuparsi di più e meglio dei cittadini e dei lavoratori. Non abbiamo ricette immediate, né cure miracolose, ma come Cisl Medici stiamo già chiedendo ufficialmente un incontro con il Ministro della Salute e con altri titolari di diversi dicasteri, per esporre le idee della Cisl Medici in tema di reclutamento, formazione e valorizzazione del personale, nella sola ottica di un definitivo rilancio di un sistema che da troppo tempo agonizza.Non siamo impiegati-burocrati – continua il Segretario – siamo certo male impiegati, spesso mal distribuiti, poco retribuiti e spesso con attrezzature insufficienti e obsolete, ma è comodo per i politici addossare la colpa a noi e aizzarci contro le altre professioni. Stupisce e addolora il malanimo che sembra trapelare dalle parole del Dott. Venturi, quasi come se volesse sfogare una qualche forma di rivalsa nei confronti dei propri colleghi. Fortunatamente i cittadini non sono così sciocchi da credere a tutti gli imbonitori che parlano da un palco”. Ad una delle sue domande dell’assessore vorrei rispondere io stessa da comune cittadino: “Vi fareste fare voi oggi un prelievo di sangue da un medico?” ha chiesto Venturi. Beh, io si. L’importante che questo medico non abbia sul suo curriculum un solo giorno da assessore o in politica, ma abbia speso tutti i suoi giorni dentro un ospedale, come dovrebbe essere.

@vanessaseffer

Ti potrebbero interessare anche:

Ricoveri "privati" all'ospedale di Cefalù, primario indagato
Muore dopo trasfusione: sequestrato sapone in tutta Italia
Lorenzo Bonomo nuovo presidente dei radiologi europei
Lorenzin, i 180 milioni di sanzione a Novartis e Roche vadano al Servizio Sanitario Nazionale
Influenza non 'decolla', frenata dalle temperature primaverili
Veneto. Ridisegnata la geografia della sanità regionale. Le Ulss diventano nove



wordpress stat