| categoria: sanità Lazio

Prevenzione delle infezioni, Chirurgia generale di Civita Castellana in campo con una campagna di informazione

infezioniwebPer sensibilizzare i pazienti e i loro cari, nei prossimi giorni saranno posizionate
in tutto il reparto delle infografiche con l’obiettivo di informare circa i corretti comportamenti da adottare

In occasione della settimana internazionale per la prevenzione delle infezioni, che quest’anno si svolge 13 al 19 ottobre, l’unità operativa di Chirurgia generale di Civita Castellana, diretta da Fabio Cesare Campanile, ha realizzato una campagna informativa rivolta agli operatori sanitari, ma, in primo luogo, ai pazienti e ai loro cari che frequentano l’ospedale Andosilla.

Nello specifico, sono state prodotte delle infografiche che nei prossimi giorni saranno posizionate accanto ai dispenser del gel idroalcolico per la pulizia delle mani, nelle docce, nelle camere dei pazienti, nelle sale operatorie e nelle medicherie del reparto.

“La nostra struttura – commenta Campanile – è da sempre molto attiva sul tema della prevenzione delle infezioni, non a caso la Chirurgia di Civita Castellana è parte integrante della Global alliance for infections in surgery, sin dalla sua fondazione. In occasione della giornata internazionale abbiamo deciso di mettere in campo un progetto che non fosse rivolto solamente agli operatori sanitari, ma anche ai pazienti e ai visitatori. È una iniziativa di ‘patient empowerment’ che oggi è ritenuta universalmente essenziale per il buon esito delle cure”.

Iniziativa che, come obiettivo correlato, prevede anche la diffusione delle linee guida che, in particolar modo negli ultimi anni, la struttura civitonica ha adottato, aggiornato, verificato e raccolto in un’unica procedura di reparto, contribuendo a ridurre l’incidenza di infezioni al suo interno.

“Attraverso la campagna di informazione – conclude Fabio Cesare Campanile – vogliamo coinvolgere i pazienti e i visitatori, accrescendo la loro consapevolezza rispetto all’importanza dell’adozione di comportamenti e abitudini che, se messi in atto in prima persona, in un ambiente sanitario come il nostro, possono contribuire a ridurre il rischio di infezioni”.

Ti potrebbero interessare anche:

Azione collettiva per il diritto dei malato di Alzheimer al recupero delle quote di degenza
San Camillo, ancora aggressioni al Pronto Soccorso?
Fatebenefratelli, sciopero il 23 settembre
Anziana caduta dalla barella al S.Filippo Neri, smentita dai fatti la tesi dei familiari
VACCINI ROMA/ il Comune di Roma promuove la diffusione del modello di autocertificazione del Ministe...
Bomba d'acqua a Monterotondo, personale e Protezione civile evitano l'allagamento del Pronto Soccors...



wordpress stat