| categoria: In breve

ETIOPIA: IL PREMIER AMMONISCE, LA CRISI POTREBBE PEGGIORARE

Nel suo primo intervento pubblico dopo i disordini che nei giorni scorsi hanno causato in Etiopia la morte di oltre 60 persone, il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha oggi ammonito che le violenze potrebbero ancora peggiorare. «La crisi che ci troviamo di fronte potrebbe diventare ancora più spaventosa e difficile, se gli etiopi non si uniranno per affrontarla insieme», ha affermato in un comunicato Abiy Ahmed, insignito l’11 ottobre scorso del Premio Nobel per la Pace, in particolare per la sua iniziativa mirata a risolvere il conflitto con la vicina Eritrea. Il primo ministro, citato dai media locali, ha inoltre affermato che i responsabili delle violenze «saranno portati davanti alla giustizia» e che il suo governo lavorerà per garantire il rispetto della legge. I disordini sono iniziati mercoledì, sfociando anche nel rogo di copie del libro pubblicato di recente dallo stesso primo ministro, ‘Medemer’. Gli scontri si sono svolti tra la polizia e i sostenitori dell’attivista e imprenditore dei media Jawar Mohamed, che ha denunciato i tentativi del governo di togliergli le guardie del corpo. Abiy Ahmed ha quindi ammonito che «c’è un tentativo di spostare la crisi su un piano religioso e e etnico

Ti potrebbero interessare anche:

Immigrazione: rivolta devasta Cie Crotone, ora e' chiuso
LEGGE DI STABILITA'/ Prestito di 100 milioni per salvare la nuvola di Fuksas
GIORNATA DELLA MEMORIA/ Verdi: 'Una ferita che brucia ancora nel giorno della memoria'
Benzinaio si uccide a Padova ''La crisi mi ha tolto il sorriso''
Molise, reati prescritti: ex governatore Iorio torna in Consiglio regionale
Premiato il prato più bello, in gara 150 agricoltori



wordpress stat