| categoria: primo piano

Ex Ilva, Patuanelli: “Chi è in buona fede non crede alla fuga per lo scudo penale”

 

Foto Patuanelli

ROMA – “Mittal non ha rispettato il piano industriale che ha presentato. Oggi doveva produrre 6 milioni di tonnellate e non i 4.5 circa che produce dal primo novembre 2018. Questo è un dato certo”. Lo dice il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, in conferenza al Mise.

“Scudo a tempo? E’ recentissima- spiega Patuanelli- la nota di smentita del capogruppo M5s al Senato. Si può discutere se abbiamo dato un alibi o no, ma per chi è in buona fede non è pensabile che da un giorno all’altro una società, con decisione presa ben prima del 2 novembre, abbia deciso di andarsene perché noi abbiamo tolto lo scudo”.

Il ministro dello Sviluppo spiega poi che “Anche per una questione ambientale è necessaria la continuità produttiva” dell’ex Ilva. “Solo così si possono fare interventi ambientali”.

Sull’ipotesi di costringere Mittal davanti ai giudici, Patuanelli aggiunge: “Sarebbe la battaglia legale del secolo. Speriamo ci sia un barlume di saggezza che porti Mittal a più miti consigli. Mittal è tra i primi gruppi al mondo nella siderurgia, quanto sta accadendo non fa bene neanche a loro”.

Agenzia DIRE

Ti potrebbero interessare anche:

Letta e Barroso a Lampedusa. I cittadini: "Assassini, vergogna"
Il Cavaliere oggi da Renzi, l'incontro sotto la foto del Che
Stato-mafia, Napolitano dovrà deporre al processo. A porte chiuse
Accordo in extremis sulla Grecia, scongiurato l'addio all'euro
Budapest, caos in stazione: bloccati i treni con migliaia di migranti
Allarme smog, l'Italia sta soffocando



wordpress stat