| categoria: attualità

La recita di Natale offende i bimbi “non cristiani”, così in una scuola è stata annullata

Foto recita di Natale

 

Cancellano la recita di Natale, con presepe e natività di Gesù, per i bambini di una scuola dell’infanzia di Maiolati Spontini (Ancona) “per non offendere” i bambini di altre religioni, tra l’altro solo il 10% iscritti in quella scuola. La decisione ha fatto insorgere i genitori di tutti gli altri bambini che hanno lamentato: “così si discriminano i bambini cattolici che non potranno fare la recita di Natale perchè discriminatorio nei confronti dei bimbi non cattolici, ma vi sembra normale?” e suscitato varie prese di posizione, da Giorgia Meloni, dal Garante delle Marche, dalla Lega ed altri politici.

La preside Patrizia Leoni ribalta la decisione presa unilateralmente da due maestre: “la recita si farà e sarà una grande festa inclusiva in cui anche le famiglie di bambini di altre confessioni religiose potranno portare il loro contributo, con fiabe, recite e tradizioni proprie. La vera integrazione non è togliere qualcosa, pensando di urtare con le nostre tradizioni la sensibilità di altre comunità, la vera integrazione è aggiungere, conoscersi, incontrarsi”.

V.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Grillo: sosterremo Dario Fo per il Quirinale
Boston, Google attiva piattaforma "Finder" dopo bombe
Ebola, in Texas infermiera positiva al test. "C'è stata infrazione al protocollo"
TANGENTI/ Gip, da Mantovani favori in cambio di voti
La Google Car causa un incidente contro un bus
AUTOSTRADE: FONTI FINANZIARIE, REVOCA CONCESSIONI STOP INVESTIMENTI, 7000 POSTI A RISCHIO



wordpress stat