| categoria: sanità Lazio

Badanti, pronti cento nuovi Care givers

 Nei giorni scorsi sono stati consegnati per l’undicesimo anno consecutivo da ASL Roma 1 e Comunità di Sant’Egidio i diplomi di Care Givers a circa 100 badanti che hanno frequentato il corso dal motto “Reimpariamo a prenderci cura gli uni degli altri”.

130 ore di lezioni frontali e 30 ore di tirocinio e simulazioni pratiche per insegnare il modo più corretto per movimentare un paziente o assistere un proprio familiare. Importantissime anche le nozioni sul corretto utilizzo dei servizi sociali e sanitari, nonché quelle di diritto, di demografia, di sociologia e di psicologia.  Assegnati per la prima volta anche 32 “fast course caregiver” alle persone che lavorando non avevano la possibilità di frequentare l’intero ciclo di lezioni. Altra grande novità di questa edizione i 40  video di dimostrazioni pratiche (in italiano e in inglese) messi a disposizione sul sito della azienda sanitaria romana nella sezione dedicata al corso e sui social network della ASL Roma 1.

Alla cerimonia di consegna erano presenti  Angelo Tanese, Direttore Generale della ASL Roma 1, Daniela Pompei, Responsabile della Comunità di Sant’Egidio per i servizi agli immigrati, rifugiati e rom, Giancarlo Graziani e Alessandro Serenelli rispettivamente Direttore e fisioterapista della UOC Medicina Riabilitativa ASL Roma 1.

Ricordiamo che la partecipazione al corso è gratuita, previo test di ingresso sulla comprensione della lingua italiana. Le domande di partecipazione devono essere consegnate presso l’Ambulatorio di Medicina Riabilitativa dell’Ospedale Santo Spirito o presso la Scuola di Lingua e Cultura Italiana della Comunità di Sant’Egidio (via di San Gallicano, 25 – Roma). Info su www.aslroma1.it

Ti potrebbero interessare anche:

Alzheimer e tumori, malattie "rivali"
Nel Lazio si aggrava la crisi delle strutture private
ARES 118/ Servizio sempre più esternalizzato, fino al 40% delle prestazioni
Ricetta on line, a Viterbo primo giorno. Adesione del 64% dei medici
Servizi/ ARIA DI RIVOLTA NEL PONTINO
Ex ospedale San Giacomo. Fdi contro il cambio d’uso: “Indispensabile come ospedale”



wordpress stat