| categoria: politica

Mattarella concede la grazia a Umberto Bossi condannato per vilipendio

 

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato un Decreto di concessione della grazia in favore di Umberto Bossi. Lo rende noto il Quirinale. L’atto di clemenza individuale ha riguardato la pena detentiva ancora da espiare (un anno di reclusione) inflitta per il delitto di offesa all’onore e al prestigio del Presidente della Repubblica (il cosiddetto vilipendio di cui parla l’articolo 278 del codice penale), in riferimento a fatti commessi nel 2011.

 

Il «colpo di spugna» di Mattarella riguarda un episodio avvenuto il 29 dicembre del 2011: durante un comizio ad Albino, in provincia di Bergamo, dove era un corso l’appuntamento invernale del Carroccio «Berghem Frecc» apostrofò l’allora Capo dello Stato Giorgio Napolitano definendolo «terùn» e facendo in contemporanea il gesto delle corna. «Abbiamo subito anche il presidente della Repubblica – scandì l’allora capo leghista – che è venuto a riempirci di tricolori, sapendo che non piacciono alla gente del Nord» alludendo poi alle origini partenopee dell’ex Capo dello Stato. «Mandiamo un saluto al presidente della Repubblica. Napolitano, Napolitano, nomen omen, non sapevo fosse un terùn», Nel settembre del 2018 quel gesto era costato a Bossi la condanna a un anno da parte della Cassazione. A scatenare l’ira del «senatur» era stata in quella occasione la nascita del governo Monti; anche quest’ultimo era stato bersaglio di pesanti apprezzamenti durante il comizio. L’intemerata era stata filmata e messa su Youtube, scatenando la denuncia di numerosi cittadini

Umberto Bossi sta attraversando un momento difficile non solo politicamente: messo ormai ai margini della vita del partito da lui fondato all’inizio degli anni ‘80 (anche se conserva ancora la carica onorifica di «presidente a vita») ricopre ancora la carica di senatore ma ormai lo si vede raramente a Palazzo Madama.Nel febbraio del 2018 è stato vittima di un incidente domestico nella casa di Gemonio (Varese) che lo sta costringendo ancora oggi a una lunga convalescenza. Alcune settimane fa è ricomparso a una riunione in via Bellerio su una sedia a rotelle. «Non uccidete la Lega Nord» ha detto rivolgendosi a Matteo Salvini. «Sono molto contento, ringrazio sia Mattarella che Napolitano» sono state le parole di Bossi a commento del provvedimento di clemenza.

 

Ti potrebbero interessare anche:

PISANA/ Manovra finanziaria: lacrime e sangue su Irpef e bolli auto, ma l'Europa pensa all'abbacchio
Il Tar accoglie la sospensiva, De Luca torna sindaco di Salerno
Renzi, minoranza Pd come Totò, sono contro a prescindere
Orfini: non mi dimetto da commissario Pd a Roma
Giustizia: Orlando, garantita indipendenza magistratura
NO TAV IN CORTEO A TORINO «SIAMO 70 MILA,ABBIAMO VINTO»



wordpress stat