| categoria: Dall'interno

SCONTRO FILOBUS-CAMION RIFIUTI A MILANO, DONNA IN COMA

– Uno scontro violentissimo tra due mezzi pesanti, uno dei quali è stato sbalzato sulla corsia opposta, travolgendo un semaforo: uno era un filobus della linea 90-91 dell’Atm, con a bordo una quindicina di passeggeri; l’altro era un camion per la raccolta dei rifiuti dell’Amsa. Nuovo incidente nei trasporti milanesi, questa volta tra viale Egisto Bezzi e via Marostica, nella zona nord-ovest della città. Uno dei due mezzi, ancora non è certo quale, ha compiuto una manovra errata, forse ‘bruciandò una precedenza. Lo scontro è stato semifrontale. Il filobus è stato proiettato dalla corsia preferenziale su quella opposta per la violenza dell’impatto mentre il camion dell’Amsa aveva la cabina semidistrutta. Il risultato è stato di 18 persone coinvolte, 12 delle quali in ospedale e sei medicate sul posto. La più grave è una donna di 49 anni, sbalzata dal filobus e che ora è ricoverata in ospedale in stato di coma. Il conducente del bus, un uomo di 47 anni, ha riportato un trauma cranico commotivo ma non è in condizioni gravi. Il conducente del camion dell’Amsa, invece, è rimasto incastrato nell’abitacolo ed è stato estratto dai vigili del fuoco: ha probabilmente un femore fratturato. Altri passeggeri sono ricoverati in vari ospedali milanesi per contusioni, altri ancora sono stati soccorsi per stati d’ansia. Due minori sono stati medicati sul posto e affidati ai genitori. «Oggi non è una giornata semplicissima», ha detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala, arrivando alla Scala per la Tosca che inaugura la stagione e aggiungendo: «Sono cose che ti fanno sentire impotente». Le indagini degli agenti della Polizia locale di Milano partiranno dalle testimonianze dei conducenti, che si trovano in ospedale e dalle analisi delle telecamere della zona per essere raccolte in una relazione alla Procura che ipotizzerà perlomeno il reato di lesioni colpose a carico dei conducenti. L’incidente di oggi, che vede coinvolto un mezzo pubblico, è l’ultimo di una serie di disfunzioni e incidenti che hanno funestato un 2019 piuttosto ‘nerò per i trasporti milanesi. Soprattutto brusche frenate in metro che hanno causato feriti e contusi. L’ultima ieri sera alla stazione della centralissima piazza San Babila su convoglio della linea Rossa: 15 le persone coinvolte; 8 valutate sul posto dal personale del 118 e altre sette state trasportate al pronto soccorso. «No alla caccia ai colpevoli, ma sì alla definizione delle responsabilità e soprattutto delle soluzioni», ha spiegato Sala. «Ho chiesto una relazione esaustiva ad Atm – ha aggiunto – che coinvolga anche i produttori degli impianti e dei treni». «In questo caso, non mi voglio sbilanciare troppo, ma ho la sensazione che sia un problema derivante dai treni – ha proseguito il sindaco -. Detto ciò il tema non è scaricare la croce addosso a qualcuno, ma capire dove stanno i problemi perché una soluzione che metta in garanzia il sistema va trovata»

Ti potrebbero interessare anche:

Ercolano, fioraio si dà fuoco in Comune: muore in ospedale
EVASO/ Presi terzo fratello di Cutrì e fidanzata di Antonino
Yara, consulenti della difesa rinunciano all'incarico
Suicida in cella a 22 anni. Il garante: non doveva stare là
Veneto adotta i limiti per inquinanti Pfas. Zaia, i più bassi d'Europa
Censis: paure e rancore, la società guarda al sovrano autoritario



wordpress stat