banner speciale sanremo 2020
| categoria: primo piano

Governo, Conte apre alla verifica a gennaio: avanti fino al 2023

“Un minuto dopo l’approvazione della legge di bilancio ” dovrà aprirsi la verifica di governo che è “necessaria” e che dovrà indicare “un cronoprogramma fino al 2023”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a margine di un convegno dell’Eni.

“Vedo tanta voglia di partecipazione, tanti giovani. E’ una cosa bellissima”, ha affermato Conte con un gruppo di cittadini che lo ha avvicinato all’uscita da una caffetteria nel centro di Roma, dopo il convegno.

“Consentiteci di completare l’ultimo miglio la manovra, una volta che sarà approvata ci dedicheremo a progetto un futuro migliore per il nostro Paese e a progettare le riforme strutturali necessarie, e una magna pars del tavolo sarà dedicata a un programma per realizzare in modo più efficace gli investimenti. Tre le direttrici: una razionalizzazione delle risorse pubbliche rafforzando il partenariato tra pubblico e privato, semplificare il quadro regolatorio e ridurre gli oneri burocratici”, dice il premier intervenendo al Rome Investment Forum 2019.

“Chiudiamo bene la manovra economica. Poi, con il Presidente Conte, lavoriamo ad una nuova Agenda 2020 per riaccendere i motori dell’economia, per creare lavoro, per sostenere la rivoluzione verde, per rilanciare gli investimenti, per semplificare lo Stato, per sostenere la rivoluzione digitale, per le infrastrutture utili, per investire su scuola, università e sapere. Alleanza vuol dire condivisione e avere a cuore gli interessi dell’Italia”. Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

“C’è una battaglia che voglio continuare a portare avanti. Che è quella di eliminare la tassazione sulla sugar tax”:  ha detto il ministro per le Politiche Agricole, Teresa Bellanova a Cetara (Salerno). “Voglio continuare a combattere per convincere il ministro dell’Economia e tutto il Governo che quella non è una tassa che educa all’alimentazione – ha aggiunto – quella è una tassa che incide purtroppo su un pezzo importante della filiera agroalimentare”.

“Graduatorie idonei 2011 valide fino a fine marzo e quelle 2012-2017 fino al 30 settembre. Elenchi 2018-2019 con pieno scorrimento per 3 anni. Dal 2020 in poi per 2 anni. Spazio così in manovra a richieste enti su reclutamento rapido accanto a nuovi concorsi per rinnovare la Pa”. E’ quanto spiega in un tweet la ministra della Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone, illustrando un emendamento del governo, in vista delle votazioni al Senato sulla legge di Bilancio.

Ti potrebbero interessare anche:

Renzi,sul referendum costituzionale mi gioco tutto. Se perdo me ne vado
Salvini ai prefetti: niente asilo a chi non ne ha diritto
ITALIA-CINA, UN PIENO DI ACCORDI
Salva Roma, passa il mini stralcio
Greta all’Onu “Mi avete rubato sogni e infanzia”
Manovra: via libera del Senato. Paragone (M5s) vota no



wordpress stat