| categoria: sanità Lazio

IL FATTO/ Benedetto acceleratore, finalmente all’INI Grottaferrata si parte

Il nuovo, avanzatissimo acceleratore lineare dell’INI – Grottaferrata ha ricevuto, nel giorno della  sua inaugurazione anche la benedizione del Vescovo Raffaello Martinelli. Entrerà in funzione nel prossimo mese di gennaio e permetterà di offrire servizi di radioterapia di eccellente qualità a un maggior numero di pazienti oncologici e di curare un’ampia gamma di tumori fino alla radiochirurgia. Il nuovo macchinario che si aggiunge a quello attualmente presente potrà puntare all’azzeramento delle liste d’attesa.

Nell’ambito delle celebrazioni per il Santo Natale 2019 presso la Casa di Cura INI – Grottaferrata il Vescovo della diocesi suburbicaria di Frascati S.E. Raffaello Martinelli ha celebrato la Santa Messa per i ricoverati e i loro familiari, per il personale e la dirigenza della struttura. Per l’occasione erano presenti: Roberto Mastrosanti, sindaco di Frascati, Luciano Andreotti, sindaco di Grottaferrata, Daniela Ballico, sindaco di Ciampino, i rappresentanti delle forze dell’Ordine locali e diverse istituzioni. E’ seguita la cerimonia di inaugurazione dell’Acceleratore Lineare Versa di nuova generazione, ospitato nel Centro di Radioterapia Oncologica che entrerà in funzione nel mese prossimo di gennaio 2020. Il VescovoRaffaello Martinelli, oltre alla benedizione dell’apparecchiatura e degli operatori sanitari, ha posto alcune domande sul funzionamento del nuovo macchinario al Responsabile del Centro di Radioterapia, dott.Antonio Maria Costa, che ha così potuto evidenziare le caratteristiche e i tipi di trattamenti del prestigioso Versa Elekta.
«Si chiama Versa perché è versatile, – ha sottolineato il dott. Costa – si può utilizzare per una terapia standard fino alla radiochirurgia, ossia la terapia per i tumori cerebrali, polmonari, di tutti gli organi, si fa tutto con lo stesso apparecchio e con la massima precisione. In questo strumento è integrata la Tac, noi possiamo vedere prima del trattamento dove è il bersaglio e quindi trattarlo; se il bersaglio non è al centro, il lettino automaticamente si muove e mette a fuoco la zona e solo da quel momento inizierà la terapia che sarà velocissima trattando il paziente oncologico in soli 10 minuti. Attualmente in commercio per la radioterapia il Versa è l’eccellenza. Siamo accreditati con il Servizio Sanitario Nazionale quindi la prestazione è gratuita come in un centro pubblico». E inoltre, aggiunge il responsabile del Centro di Radioterapia dell’INI-Grottaferrata, «avremo una lista d’attesa zero perché questo acceleratore oltre ad essere il migliore in commercio, e il secondo a Grottaferrata, permetterà di curare un maggior numero di pazienti».

Ti potrebbero interessare anche:

Zingaretti autorizza l'Ifo a riprendere l'attività di assistenza domiciliare
Commissione bilancio, 500mila euro per elisoccorso
Concorsi medici e infermieri, assunzioni straordinarie "mediante selezione selettiva per titol...
L'equivoco delle ambulanze per il Giubileo
Venticinque anni di Irccs, Il 4 ottobre porte aperte alla Fondazione S.Lucia
L'INTERVISTA/ Ruolo del Management nel Servizio Sanitario, una storia in tre atti tutta da spiegare



wordpress stat