| categoria: editoriale, Senza categoria

Il solito Mattarella, l’ipocrisia della politica

Le solite parole, i soliti discorsi intrisi di retorica, non destano interesse nè emozioni. Il rituale del discorso di fine anno di un grigio presidente della Repubblica è materia obbligata per i media, tv, carta stampata, tutti costretti a riprendere, chiosare, commentare le parole di Mattarella. Ma dietro e sotto quella immagine stereotipata non c’è niente. L’Italia va in malora, arranca, la politica è in tilt, non è decisamente all’altezza. Ma l’ipocrisia di chi ha il potere induce o costringe a mentire. Non ci crede nessuno, a quei discorsi retorici e pomposi. E nessuno ha il pudore di tacere o il coraggio di chiedere scusa al paese per la manifesta incapacità di risolvere i mille problemi. Siamo in mano a un pugno di incompetenti e il presidente della Repubblica non ha il coraggio di denunciare la situazione. Tace, sfuma,

Ti potrebbero interessare anche:

Atac, la rivolta degli anti-sindacati corre su Facebook: “Bloccheremo Roma l'8 febbraio”
BALLOTTAGGIO/ Montino, no al raddoppio dell'aeroporto di Fiumicino
Morto Mike Porcaro, ex bassista dei Toto. Era affetto da Sla
STATO-MAFIA/ Il pm va avanti ma la assoluzione di Mannino pesa
Turismo: l'Umbria riparte dal suo cuore verde
E' vero che la Regione abbandona i bambini dislessici?



wordpress stat