| categoria: sanità

ORDINE DEI MEDICI DI NAPOLI, AAA CERCANSI VIP PER ‘LIVE AID’ CONTRO VIOLENZE

 

 

Escalation di aggressioni agli operatori sanitari in tutta Italia, Per il presidente dei camici bianchi di Napoli “serve l’aiuto di tutti,  è una questione civica”

 

AAA cercansi autori e cantanti per un’iniziativa corale di Vip, napoletani e non solo, per dire basta alla violenza sui medici e gli operatori sanitari e fermare l’escalation di aggressioni che mette a rischio il sistema di cure e la salute di tutti. E’ l’appello che il presidente dell’Ordine dei medici di Napoli, Silvestro Scotti lancia attraverso l’Adnkronos

Salute alle personalità dello spettacolo perché si metta a punto un ‘live aid’ – con un brano musicale o un’altra forma di spettacolo in grado di arrivare a tutti – dedicato a questa emergenza che all’inizio dell’anno in tre giorni ha fatto registrare quattro casi solo in Campania che, però, potrebbero essere di più, considerando che molte volte i medici e gli infermieri non denunciano violenze verbali o fisiche. “Aiz’ a voce…per cantà: non più violenza in sanità” è il titolo della proposta del presidente dei camici bianchi campani, che gioca sulla rima e sulle parole (Aiz ‘ a voce, ovvero alza la voce, per cantare e non per aggredire). “Le aggressioni agli operatori sanitari – spiega Scotti – sono un fenomeno che riguarda non solo la sanità ma l’intera società e il senso civico. Come abbiamo detto in altre campagne chi aggredisce un medico aggredisce se stesso perché mette a rischio chi può curarlo e, spesso, salvargli la vita. E’ importantissima dunque l’informazione e l’esempio”. Per questo le persone di spettacolo, che hanno influenza e riescono ad arrivare a molte persone, possono fare molto. “Se riusciremo a creare un’iniziativa per un pubblico vasto faremo sicuramente un passo avanti per creare una cultura ‘anti-violenza’” A Napoli Scotti si appella anche ai cantanti neomelodici e tutti  quelli che hanno un consistente seguito nella città. “I cantanti neomelodici sono particolarmente influenti in alcuni quartieri.

Crediamo sia importante coinvolgere artisti amati in città. Anche per promuovere la vaccinazione contro l’Hpv negli adolescenti abbiamo avuto come testimonial la cantante napoletana Nancy Coppola”.  Il fenomeno della violenza sugli operatori sanitari è diffuso ormai da tempo in Italia, e conta in media tre aggressioni denunciate ogni giorno, secondo dati Inail, per un totale di circa 1.200 casi, di cui 456 a danno di operatori di Pronto soccorso, 400 avvenuti in corsia e 320 negli ambulatori.

Ti potrebbero interessare anche:

Farmaci, sette su dieci non sono studiati per i bambini
Il Tar Lazio liberalizza la pubblicità degli studi medici
L'86% dei giovani farmacisti alle prese con la crisi occupazionale
SANITA'/ Otto nuove postazioni di emergenza nel Chietino
Emergenza smog, decalogo dall'Istituto Superiore di Sanità
IL PUNTO/ QUANDO LA BUONA SANITA’ DEVE FARE NOTIZIA



wordpress stat