| categoria: Dall'interno

Donna si dà fuoco davanti al Tribunale dei minori

 

Ritrovati una tanica di liquido infiammabile e un cartello in cui si fa riferimento all’affidamento della figlia

Una donna si è cosparsa di liquido infiammabile e si è data fuoco davanti alla sede del Tribunale dei minori di Mestre. Il gesto sarebbe da mettere in relazione ad un procedimento della giustizia civile che la vede coinvolta. E’ stata soccorsa e portata all’ospedale all’Angelo di Mestre in gravi condizioni, e quindi al reparto Grandi Ustionati di Padova.

Sul luogo del rogo sono stati ritrovati una tanica con del liquido infiammabile e un cartello, scritto in un italiano stentato.

Nel messaggio si farebbe riferimento all’affidamento della figlia Sofia e al marito. Quest’ultimo risiederebbe nel trevigiano. I primi a soccorrere la giovane e a tentare di spegnere le fiamme sono state le guardie giurate che sorvegliano la sede giudiziaria.

Sul posto sta operando la Polizia scientifica. Si sta repertando quanto ritrovato accanto alla donna. L’area è attualmente interdetta a giornalisti e passanti. Il Tribunale dei minori di Mestre si trova in un edificio di archeologia industriale ricavato all’interno dell’ex scopificio Krull, a poche centinaia di metri dal centro della città.

Ti potrebbero interessare anche:

Riparato il by-pass, Messina resta in emergenza idrica
A Marostica al via le prove generali per la partita a scacchi in scena 9-10-11 settembre
DROGA/ TORNA A CRESCERE USO EROINA
PORTOFINO,CHIUSO SENTIERO EMERGENZA: TROPPO PERICOLOSO
AUTONOMIA:IL MONDO DELLA SCUOLA COMPATTO,È PERICOLOSA
Coronavirus, "non uso mascherina": Lombardia contro Borrelli



wordpress stat