| categoria: sport

Australian Open, Fognini batte Pella e va agli ottavi, Federer avanti col brivido

fogniniPer una volta, Fabio Fognini avrà preferito vincere tre set a zero. Arrivava da due maratone, contro Opelka e Thompson, e l’aveva presa a ridere, confessando di preferire le partite tirate e finite in cinque. Nel terzo turno degli Australian Open non ha avuto pietà dell’argentino Guido Pella, sconfitto 7-6 6-2 6-3 in 2 ore e 12’. Per la terza volta in carriera, Fognini raggiunge gli ottavi di finale a Melbourne (ci era già riuscito nel 2014 e nel 2018), e ha tutto il diritto di sperare di andare ancora avanti: di fronte, nel prossimo match, ci sarà lo statunitense Tennys Sandgren, che nel secondo turno aveva eliminato Matteo Berrettini e che ha già sconfitto Fognini a Wimbledon. Quello di Fognini contro Pella è stato uno show, con diversi colpi che già stanno facendo il giro dei social: almeno un paio di splendidi lob (soprattutto uno sul 5-4 per Pella nel primo set), un passante di rovescio di solo polso, una risposta straordinaria sul set point nel secondo, che ha seguito un tiebreak vinto nel primo set senza concedere neanche un punto.

L’unico passaggio a vuoto, Fognini lo ha avuto nel terzo set, quando ha ceduto per due volte di fila il servizio, in un momento del match contraddistinto da cinque break di fila, tre dei quali conquistati dall’azzurro, che si trova nello stesso quarto tabellone di Federer. L’opportunità di raggiungere il miglior risultato di sempre in uno Slam (quarti di finale al Roland Garros 2011) è di quelle da non buttare via.

Nell’ottavo subito sotto quello di Fognini, sono saltate altre due teste di serie: Stefanos Tsitsipas, battuto in tre set da Milos Raonic, e Roberto Bautista Agut, che ha ceduto dopo una battaglia di cinque set a Marin Cilic. Zero problemi, invece, per Novak Djokovic, che ha lasciato solo sette game al giapponese Nishioka.

Se l’è cavata, invece, Roger Federer, che dopo essere stato a un passo dal baratro è riuscito a eliminare 4-6 7-6 6-4 4-6 7-6 l’australiano John Millman, che già negli Us Open 2018 aveva fatto lo scherzetto allo svizzero. Dopo oltre quattro ore di partita combattutissima, Federer si è trovato sotto 8-4 nel super tiebreak, ma è riuscito a infilare sei punti consecutivi. A 38 anni.

Ti potrebbero interessare anche:

Napoli, arriva Benitez. Un vincente per aprire un nuovo ciclo
La Roma ha il portiere, arriva De Sanctis, usato sicuro
Juve, recital di Pogba, bianconeri a +5 dalla Roma
Calcio brasiliano, Corinthians di nuovo campione
Ventura si dimette, Tavecchio no. Il futuro si chiama Ancelotti?
Serie A riparte il 20 giugno



wordpress stat