| categoria: politica, Senza categoria

Conte: Salvini grande sconfitto La replica: ‘E’ solo un rinvio’

Pd chiede a Conte garanzie con M5s. Cinquestelle tentano ripartenza ma è attacco interno a “terza via”, Crimi in campo per evitare scissioni

Regionali: in Emilia Romagna ha vinto con circa otto punti di vantaggio il candidato del centrosinistra Stefano Bonaccini che ha preso il 51,6%, contro il 43,7% della sua sfidante Lucia Borgonzoni, sostenuta dal centrodestra. Simone Benini del M5s ha preso il 3,5%. Sotto il mezzo punto gli altri candidati: Domenico Battaglia (Movimento 3v) 0,5%, Laura Bergamini (Partito comunista) 0,4%), Marta Collot (Potere al Popolo) 0,3%, Stefano Lugli (Altra Emilia-Romagna) 0,2%.

“Non ho cambiato idea: avevo detto che sono appuntamenti elettorali regionali anche se per carità possiamo anche dare loro dei significati politici – ha detto il premier Giuseppe Conte parlando fuori da Palazzo Chigi -. C’è stato chi ha inteso fare di questo appuntamento elettorale, impropriamente, un referendum contro o pro il governo nazionale. Mi riferisco a Salvini che esce il grande sconfitto di questa competizione. I cittadini lo hanno inteso come referendum su di lui”. 

 

Replica il leader leghista, Matteo Salvini: ‘Rifarei tutto, anche il citofono’

Questa è la vittoria dell’Emilia-Romagna: io continuo a dire di aver fatto bene a voler ostinatamente parlare di Emilia-Romagna, mentre altri parlavano di tutt’altro”, dice Bonaccini, durante una conferenza stampa nel suo comitato a Casalecchio di Reno. Bonaccini ha parlato di un “voto strapieno”. “Ho sentito Mattia Santori, non l’avevo mai sentito nemmeno al telefono. L’ho voluto ringraziare, per la straordinaria mobilitazione che le sardine hanno saputo mettere in campo“, ha detto Bonaccini. “Questa regione ha dimostrato che se vuoi suonare i campanelli non vieni qui, li suoni a casa tua“, ha aggiunto: “lo dico con tutto il rispetto”.

Poi Bonaccini arrivando in piazza Grande a Modena per la festa elettorale ha detto che “serve un Pd largo, più aperto, con una identità più marcata. Però i voti che ha preso qui dimostrano che è in salute ma non basta aver vinto l’Emilia-Romagna. É illusorio pensare che se hai vinto qui.. veniamo da 9 sconfitte consecutive, delle batoste. Quindi nessuno si illuda di aver risolto i problemi perché abbiamo vinto l’Emilia Romagna. Ora bisogna governare“.

 

 

Partita invece ampiamente chiusa a favore di Jole Santelli in Calabria: la candidata di Forza Italia per il centrodestra trionfa con il 55,43% e diventa la prima Governatrice donna della regione. Pippo Callipo per il centrosinistra si ferma al 30,19%, Carlo Tansi (lista civica) registra il 10,6% e precede Francesco Aiello (M5S) al 7,29%. “Jole è l’emblema del riscatto”, assicura Silvio Berlusconi, mentre la prossima presidente calabrese promette “una regione diversa”.

Gli occhi comunque erano tutti puntati sull’Emilia Romagna, che ha sorpreso per il boom dell’affluenza al (67,7%), di 30 punti superiore rispetto al 2014 (37,6%) e analoga a quelladelle europee 2018.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Bersani: andremo al Colle con la proposta Pd
FISCO/ Frodi, sanzioni più severe. Potenziato il decreto
Scuola: assunzioni subito, giovedi' la fiducia. Ecco le principali novita'
Monica Bellucci, sexy con le rughe, il regalo di Emir
Caporalato: Camera, ok alla legge sul contrasto
DIVORZIO/ La sentenza della cassazione che mette fine ai sogni di Veronica



wordpress stat