| categoria: primo piano

Il virus in Cina, si raddoppiano le infezioni

Salgono a 4.515 i casi, 106 i morti. La Commissione sanitaria nazionale conferma i 106 morti. Pechino invita a non fare viaggi all’estero. Rinviato l’inizio del semestre in scuole e università

La diffusione del Coronavirus di Wuhan accelera: la Commissione sanitaria nazionale cinese ha detto nei suoi aggiornamenti quotidiani che i casi d’infezione accertati sono saliti a 4.515 unità, quasi raddoppiati in 24 ore sulle 2.744 unità di ieri.
La commissione ha confermato 26 nuovi decessi, a quota 106 totali, secondo quanto è già emerso stamani dalle comunicazioni della Commissione sanitaria di Wuhan. Allo stato, ci sono quasi 7.000 casi sospetti in attesa di conferma.

In considerazione dell’epidemia del nuovo coronavirus, i cittadini cinesi sono inviati a evitare i viaggi all’estero per garantire “salute e sicurezza” di cinesi e stranieri. E’ il messaggio della National Immigration Administration cinese, secondo cui la riduzione dei movimenti trans-frontalieri può aiutare a prevenire e controllare la diffusione della polmonite causata dal coronavirus 2019-nCoV, il cui focolaio è stato trovato a Wuhan. In una nota, l’amministrazione chiede di “spostare i viaggi all’estero non necessari”.
La Cina ha deciso il rinvio sine die dell’inizio del secondo semestre per scuole e università, negli sforzi per contenere l’epidemia del coronavirus di Wuhan. Il ministero dell’Educazione, con gli studenti nel pieno delle vacanze del Capodanno lunare, non ha fornito ulteriori dettagli.

Ti potrebbero interessare anche:

Berlusconi-Renzi, due ore di faccia a faccia. Il candidato non c'è, si rivedono domani
Sorpresa, sta calando la disoccupazione
L'estate degli orrori, sedicenne trovata morta in spiaggia a Messina
Ucciso da un missile Usa Jihadi John, boia dell'Isis?
Tav: Governo annuncia slittamento dei bandi
Maltempo e allagamenti in Veneto, Verona la più colpita



wordpress stat