| categoria: gusto

UN VIAGGIATORE SU DUE (53%) SI MUOVE PER GUSTARE ENOTURISMO

– Alla vigilia della Bit, dal 9 all’11 a Milano, emerge il momento d’oro dell’enoturismo. E dal confronto con i maggiori competitor europei, il quadro è positivo per il Sistema Italia,ai vertici in sette degli indicatori considerati: produzioni di eccellenza, aziende vitivinicole, aziende olearie, imprese di ristorazione, musei del gusto, birrifici e Città Creative Unesco legate all’enogastronomia. È quanto evidenzia il Rapporto sul turismo enogastronomico 2020, presentato da Roberta Garibaldi, docente universitario di Tourism Management, secondo cui cresce l’interesse dei turisti verso l’enogastronomia e i Millennials guidano il trend mentre si affacciano i nuovi «super foodie», i nati della Generazione Z che già mostrano un alto interesse verso il cibo. «Dal 2016 si evidenzia un incremento del 12% degli enoturisti nei Paesi occidentali. Il totale di chi ha dichiarato di avere svolto almeno un viaggio con questa motivazione negli ultimi due anni a livello internazionale è pari al 53%» precisa l’autrice del report pubblicato sotto l’egida della World Food Travel Association e l’Associazione Italiana Turismo Enogastronomico. I turisti internazionali di tutte le nazionalità mappate (Francia, Regno Unito, Canada, Stati Uniti d’America, Messico e Cina) si definiscono prevalentemente «eclettici» nella scelta delle esperienze, solo per i francesi prevale il tema dell’autentico, del locale e del gourmet. Dal web emergono alcuni temi su cui puntare: «food truck» – cibo di strada – sono tra le esperienze più vissute e più ricercate sul web, i ristoranti e i bar storici e le dimore storiche sede di aziende di produzione agroalimentare, le visite ai produttori extra vino, e infine i corsi di cucina. Mentre la pizza emerge come prodotto trainante per il nostro Paese«, conclude Roberta Garibaldi.

Ti potrebbero interessare anche:

Il gelato non conosce crisi, due miliardi spesi nel 2012 (+1%)
Sulla scalinata del Pincio a maggio le Olimpiadi del gelato artigianale
Il roadshow dei tappi sintetici di nuova generazione: ricerca, sicurezza alimentare e prestazioni
D'Annunzio a tavola, tra uova sode e cristalli
ENOGASTRONOMIA/ Asta record per il tartufo bianco di Alba: sei tuberi batutti a 175mila euro
Tappi alternativi al sughero, sostenibili e di origine vegetale, arriva la green line di Nomacorc



wordpress stat