| categoria: politica

Gratteri: la corruzione tra i magistrati c’è, 6,7%

«Il problema corruzione nella magistratura c’è, possiamo parlare del 6-7%. È grave inimmaginabile, terribile. Noi guadagniamo bene. Io prendo 7200 euro e si vive bene e non c’è lo stato di necessità, non è un padre che ruba per fare mangiare i figli. È un fatto di ingordigia. Il potere è avere incarichi o chiedere incarichi per amici degli amici». A dirlo il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri intervistato da Lucia Annunciata a «Mezz’ora in +». «I magistrati – ha detto Gratteri – non vengono da Marte, sono il prodotto di questa società. L’abbassamento della morale e dell’etica c’è in tutte le categorie ma posso dire che sostanzialmente la struttura della magistratura è sana. Certo, un magistrato corrotto fa rumore, è molto grave. La gente si allontana da noi, perdiamo tanta credibilità. Se in passato avete celebrato degli eroi ed eroi non erano, la colpa è anche dei giornalisti, dei presentatori di certe trasmissioni televisive che hanno creato dei personaggi senza che in realtà nella vita avessero mai fatto nulla, quindi la responsabilità è un pò più ampia. Quando parliamo di avere sottovalutato le mafie, di avere continuato a recitare che gli ‘ndranghetisti erano dei pastori o al massimo responsabili di sequestri di persona, la colpa è dei magistrati, delle forze dell’ordine, dei giornalisti, degli storici, dei professori universitari che non abbiamo saputo o voluto capire la vastità del fenomeno. Perché emergono oggi queste cose? Prima c’era qualche collaboratore di giustizia che ne parlava, ma una cosa è il collaboratore ed un’altra è l’intercettazione ambientale dove c’è la voce degli attori protagonisti che parlano in modo chiaro e poi si configurano, ad esempio, reati di corruzione o concussione e quindi la prova è dirompente. Non parliamo più di indizi ma di prove».

Ti potrebbero interessare anche:

MONTECITORIO/ La spending review targata cinque stelle: tagli per 42 milioni
Scuola, il ministro Carrozza scopre l'acqua calda e minaccia: più fondi o devo dimettermi
RAI/ Ecco il testo del ddl, Ad forte ma vertice "licenziabile"
Vendola in pensione anticipata con 6mila al mese. Grillo, post omofobo
PASQUA AD AMALFI PER GENTILONI, NESSUN INCONTRO, SOLO RELAX
DI MAIO ATTACCA SU SICUREZZA, NUOVO FRONTE CON LA LEGA



wordpress stat