| categoria: sanità

CORONAVIRUS: IN REPARTI BARI ROBOT VISITANO A POSTO MEDICI

Nei reparti Covid del Policlinico di Bari verranno impiegati anche due piccoli robot in grado di assicurare consulenze e visite specialistiche a distanza. L’ospedale ha acquistato due dispositivi robotici dedicati alla telemedicina dotati di un sistema di telecamere ad altissima risoluzione, tele-auscultazione e sistema di comunicazione privata medico-paziente. Si tratta del sistema ‘InTouch Litè che consente al personale medico di effettuare teleconsulti e televisite da remoto sui pazienti ricoverati all’interno dei reparti di terapie intensive, sub-intensive e di isolamento. I due macchinari verranno usati nel pronto soccorso e nel reparto di Malattie infettive per garantire l’accesso virtuale di specialisti – dai cardiologi ai neurologi, dai dermatologi agli oculisti – e la televisita dei pazienti direttamente dal letto nella stanza di degenza. Attraverso i due dispositivi di telemedicina sarà possibile effettuare diagnosi più tempestive e avviare più rapidamente le cure. Non solo. Tra i vantaggi dell’utilizzo della robotica ci saranno la riduzione degli spostamenti e dei tempi di permanenza in pronto soccorso e la possibilità di consulti multispecialistici. «Decliniamo il concetto di smart working anche alla medicina – commenta il direttore generale del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore – l’uso dei dispositivi robotici in ospedale ha il duplice vantaggio di velocizzare le diagnosi e di limitare l’accesso dei medici specialisti nei reparti Covid19 contenendo il rischio di contagi e riducendo l’uso di dispositivi di protezione individuale. Ô un sistema utilissimo soprattutto in questa fase di spostamenti ridotti in corsia, ma che certamente rimarrà in funzione anche dopo l’emergenza».

Ti potrebbero interessare anche:

Slitta chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari. Stamimali, Sofia potrà proseguire la cura
Triplicati a Roma interventi traumi a menisco e ginocchio
Lombardia, scandalo sanità: Maugeri patteggia. Confiscati immobili per 16 milioni
Assenteismo, ancora in servizio alla Asl di Brindisi 36 dipendenti condannati
Vicenza, si apre la rassegna Alzheimer 2016. Per un’etica del prendersi cura
MANUEL BORTUZZO NON MOLLA, " POTREI CAMMINARE ANCORA"



wordpress stat