| categoria: sanità

CORONAVIRUS: IN REPARTI BARI ROBOT VISITANO A POSTO MEDICI

Nei reparti Covid del Policlinico di Bari verranno impiegati anche due piccoli robot in grado di assicurare consulenze e visite specialistiche a distanza. L’ospedale ha acquistato due dispositivi robotici dedicati alla telemedicina dotati di un sistema di telecamere ad altissima risoluzione, tele-auscultazione e sistema di comunicazione privata medico-paziente. Si tratta del sistema ‘InTouch Litè che consente al personale medico di effettuare teleconsulti e televisite da remoto sui pazienti ricoverati all’interno dei reparti di terapie intensive, sub-intensive e di isolamento. I due macchinari verranno usati nel pronto soccorso e nel reparto di Malattie infettive per garantire l’accesso virtuale di specialisti – dai cardiologi ai neurologi, dai dermatologi agli oculisti – e la televisita dei pazienti direttamente dal letto nella stanza di degenza. Attraverso i due dispositivi di telemedicina sarà possibile effettuare diagnosi più tempestive e avviare più rapidamente le cure. Non solo. Tra i vantaggi dell’utilizzo della robotica ci saranno la riduzione degli spostamenti e dei tempi di permanenza in pronto soccorso e la possibilità di consulti multispecialistici. «Decliniamo il concetto di smart working anche alla medicina – commenta il direttore generale del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore – l’uso dei dispositivi robotici in ospedale ha il duplice vantaggio di velocizzare le diagnosi e di limitare l’accesso dei medici specialisti nei reparti Covid19 contenendo il rischio di contagi e riducendo l’uso di dispositivi di protezione individuale. Ô un sistema utilissimo soprattutto in questa fase di spostamenti ridotti in corsia, ma che certamente rimarrà in funzione anche dopo l’emergenza».

Ti potrebbero interessare anche:

San Raffaele, partite le prime 40 lettere di licenziamento
Comitato Sla, i malati pronti a riprendere la lotta
Al via "SaluteInforma+", newsletter del Ministero della Salute
FOCUS/ Sos stress e malattie dei medici. La causa è il troppo lavoro
Liste d’attesa. Grillo in pressing sulle Regioni: “Entro 15 giorni informazioni sulla situazione”
Pazienti in fuga dal Sud, la migrazione per le cure vale 4,6 mld



wordpress stat