| categoria: sanità

Coronavirus, Lopalco: “Vaccino è una scommessa”

coronavirus_dottoresse_Roma_afp

“La sperimentazione di un vaccino è una scommessa. Avere un prototipo funzionante prodotto su piccola scala a settembre sarebbe un grosso passo avanti, se questo vaccino funziona, e così si può sperare che per l’inizio del prossimo anno si potrebbe avviare eventualmente una produzione su larga scala”. Così Pierluigi Lopalco, epidemiologo dell’Università di Pisa e coordinatore scientifico della task force pugliese per l’emergenza coronavirus, a 24 Mattino su Radio 24.

Quanto al “bollettino quotidiano bisogna prenderlo per quello che è: un sistema di sorveglianza epidemiologica e in quanto tale non è un sistema completo. Deve dare l’idea dell’andamento dell’epidemia“. “I numeri che stiamo raccogliendo e dando quotidianamente fanno il loro lavoro, quello di un sistema di sorveglianza: sono dati affetti da una sottostima, questo si sa benissimo, una sottostima valutabile mediamente da 1 a 5 a 1 a 10, a seconda dell’epidemia e della qualità del sistema – sottolinea l’sperto – Sapevamo dall’inizio che per ogni caso notificato ce ne sono probabilmente 3-4 non notificati. Potrebbero anche arrivare a 10 in una situazione grave come nel caso del picco della Lombardia, in cui non era oggettivamente possibile fare diagnostica a tutti”.

“In una situazione in cui turisti stranieri probabilmente non arriveranno e sarà limitato lo spostamento anche da regione a regione in Italia, se pensiamo a un turismo prettamente locale io credo che le spiagge potranno essere gestibili“, ha detto ancora Lopalco per il quale “l’importante è mantenere un po’ di distanza e non avere assembramenti. Poi, speriamo che per questa estate la situazione epidemiologica si sia tranquillizzata, ci sarà probabilmente anche l’estate in sé a rallentare la corsa del virus e stare in casa non sarà più così stringente e consigliato”.

Far ripartire il campionato? “Sicuramente gli stadi non si possono riempire e su questo non si discute: i grossi assembramenti saranno gli ultimi a ripartire. Una partita di calcio a porte chiuse? Bisognerebbe comunque garantire la salute dei giocatori e di tutto lo staff che ruota intorno a loro, ma la vedo difficile”.

Lopalco parla anche della Francia e della decisione di riaprire le scuole. “Non abbiamo termini di paragone e non sappiamo cosa succederà una volta riaperte le scuole in piena fase epidemica, perché di questo stiamo parlando: in questo momento la Francia si trova in fase epidemica – dice ancora – I rischi sono due: per gli insegnanti e per la diffusione del virus da scuola a casa. Questi sono rischi oggettivi, poi come maneggiare questo rischio dipende dallo Stato e dalla struttura sanitaria. Come minimizzare questo rischio? Non è semplicissimo: riducendo il numero di studenti in classe, aumentando i turni, scaglionando gli ingressi…Si tratta di ristrutturare completamente le procedure e i processi educativi”.

Ti potrebbero interessare anche:

Radiologi scettici: meno accessi al Pronto Soccorso? Non ci risulta
Eutanasia anche per i minori, primo sì in Belgio
TUMORE COLON/Trovate le cellule che formano le metastasi
Dossier di Codici, il caos della sanità è creato apposta dalla politica
Lorenzin, i costi di una siringa? Leggenda metropolitana, sfateremo i falsi miti
Pressing della Lega al ministro: stop ai massaggi fai-da-te in spiaggia



wordpress stat