| categoria: In breve

Scuola, Pro Vita e Famiglia: “Salviamo le Paritarie o collassa il sistema. Da M5s e Pd colpevoli ritardi e famiglie pronte a protesta”

“Salvare le paritarie significa impedire il collasso del sistema scuola in Italia. Avere solo l’istruzione statale, come è nei sogni della maggioranza 5stelle e dem che è già rea di colpevoli ritardi, non solo significa far fuori le scuole di ispirazione cristiana che tanto sono odiate da loro, ma significa ignorare i costi standard della scuola per lo Stato. Il ministro Azzolina forse non sa che ogni studente nella scuola statale costa 6.500 euro, contro i 500 euro in media per ciascuno dei 900.000 alunni delle paritarie” hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia.

Sul tema abbiamo incontrato al telefono Maria Rachele Ruiu di ProVita e Famiglia (da Radio Mater del 22 Aprile 2020)

differenza-scuola-privata-e-paritaria“Uno Stato laico, non laicista e ideologico, saprebbe che le scuole paritarie gli fanno risparmiare circa 900 milioni di euro l’anno e quindi non aspetterebbe il 2021 per stanziare i fondi a loro favore come invece sta predisponendo il Pd, perché per quella data queste realtà saranno tutte collassate” hanno continuato Brandi e Coghe.

C’è un virus ancora più pericoloso del Covid che sta infettando l’Italia – hanno aggiunto Brandi e Coghe – quello della perdita delle libertà, compresa quella della scelta educativa . Per questo lanciamo la campagna #Liberidieducare con il Comitato Difendiamo i Nostri Figli perché il Governo provveda alle necessità delle famiglie, delle scuole paritarie – che non sono solo cattoliche – e del personale docente e non docente che ci lavora”.


Adesso, subito – è l’appello –  il finanziamento degli stipendi, il rimborso delle rette e l’adozione del costo standard per le scuole paritarie. E venga accettata la proposta di un fondo nazionale per le paritarie prima che siano tutte fallite. Le famiglie non ce la fanno a pagare le rette e se non verranno aiutate appena finito il lockdown saranno pronte con noi a scendere in piazza e a far sentire la loro protesta” ha concluso Pro Vita e Famiglia.

Ti potrebbero interessare anche:

Il Papa telefona al giornalaio: non mandarmi più "El clarin"
Bolognese ucciso, "giallo" nei Caraibi
Scuola: l'Anief chiede l'assunzione di 37.000 docenti
Viadotto Sicilia: 30 indagati dalla Procura
ROMA/ Confedercenti, il commercio muore, serve una amministrazione che funzioni
VENEZUELA/ Il presidente Maduro annuncia un rimpasto di governo



wordpress stat