| categoria: sport

Asi Challenge, tanti campioni per aiutare l’ospedale di Bergamo

E24C43BA-CF45-4D1F-805B-0371C91294B7

Da Luis Alberto e Acerbi a Bruno Conti e Graziani, da Rafael Toloi ad Alessandro Matri, da Stefano Battistelli a Valentina Giacinti: quando tanti volti noti decidono di unirsi per la solidarietà che, nell’ambito dell’emergenza Coronavirus, si chiama Ospedale Giovanni XXIII di Bergamo. Ogni aiuto, anche il più piccolo in termini di donazioni, ha fatto la differenza. È accaduto con la challenge dell’ASI – ente di promozione sportiva che rappresenta lo sport di base in Italia – che, giunta al termine, ha attirato tantissimi campioni del mondo dellosport, politici, giornalisti e personaggi del mondo dello spettacolo. Oltre a moltissimi sportivi e cittadini di tutte le età.

Fare più flessioni possibili in 15 secondi, con una canzone italiana sottofondo, da intonare; nominare poi tre amici, chiamati a ripetere la stessa performance e, attraverso una donazione, sostenere l’ospedale di Bergamo: questa è stata la formula della challenge, divenuta subito virale, di ASI. Il primo a raccogliere e lanciare la sfida è stato il campione di MMA Carlo Pedersoli jr, nipote dell’azzurro di Nuoto Carlo Pedersoli, noto nella sua seconda vita artistica con lo pseudonimo di Bud Spencer. Ha cantato “Azzurro” di Adriano Celentano e fornito una prova inevitabilmente impeccabile.

Nomi importanti hanno partecipato, tra cui i calciatori attuali della Lazio Francesco Acerbi e Luis Alberto, che ha voluto intonare una canzone di Lucio Battisti cara ai suoi tifosi, Vincenzo D’Amico che con i biancocelesti ha vinto lo scudetto del 1974, Dario Marcolin che proprio per colpa del Coronavirus ha perso il papà. Con loro, le bandiere delle Roma Bruno Conti, Campione del Mondo del 1982 ed oggi dirigente giallorosso come anche Antonio Tempestilli, Giuseppe Giannini, “Ciccio” Graziani, Massimiliano Cappioli e Fabio Petruzzi. E ancora, l’ex juventino Alessandro Matri e Cristian Brocchi che ha vestito per anni la maglia del Milan.

Il difensore dell’Atalanta Rafael Toloi, Roberto Muzzi e la calciatrice rossonera e della Nazionale, Valentina Giacinti e, con il figlio, Stefano Battistelli, primo uomo a vincere nel Nuoto una medaglia per l’Italia ai Giochi Olimpici. E poi, i fratelli Duran, Emanuele Della Rosa, pugili importanti nel panorama italiano, il capitano della Lazio Pallanuoto Federico Colosimo, Claudio Sebastianutti, Antonio Buccioni, presidente della polisportiva biancoceleste. E ancora, il ballerino Kledi, gli attori Giorgio Borghetti e Luca Capuano, i comici Dado e Gabriele Cirilli, gli influencer Filippo Contri e Giulia Marullo, giornalisti come Marco Mazzocchi, uno dei primi ad aderire all’iniziativa. E tanti altri ancora. Una bella iniziativa nata insieme ad #ASISportInCasa (che ha invitato, in questo periodo emergenziale, a fare sport tra le mura domestiche) per una causa nobile.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Roma, Osvaldo in uscita,obiettivo cessione prima del 21
Kakà non basta al Milan, pari con la Lazio e fischi
Napoli, doppietta di Mertens e restano le speranze Champions. Cesena addio
TENNIS/ Fognini e Bolelli vincono il doppio. Italia in vantaggio sulla Russia 2-1
CALCIOMERCATO/ Inzaghi: Immobile è l’uomo giusto. Inter su Candreva
Var non aiuta la Juve, l'Atalanta recupera due gol



wordpress stat