| categoria: Roma e Lazio

Fuga di gas, crolla palazzina a Marino: 3 estratti viv

marino_palazzina_crollo_0405-1

Ancora in corso le operazioni dei Vigili del fuoco che sono intervenuti, poco prima delle 20 in via Carissimi, nel centro storico di Marino (Roma), per l’esplosione di una palazzina di tre piani a causa di una fuga di gas. Tre persone, due donne e una bambina estratte dalle macerie, sono ferite: la piccola di 4 anni e la madre 31enne sono state trasportate all’ospedale di Frascati per ferite lievi. Più grave, invece, a quanto si apprende, una donna di circa 50 anni di origini romene che è stata trasferita all’ospedale Sant’Eugenio.

Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, sono intervenuti i carabinieri di Marino e della compagnia di Castel Gandolfo. Fortunatamente molti degli appartamenti della palazzina erano disabitati. A quanto si apprende, il palazzo era composto da un piano terra più due piani. In totale sarebbero sei gli appartamenti interessati dallo scoppio.

IL SINDACO – “Tre persone che si trovavano nella palazzina crollata sono state estratte dalle macerie e trasferite in ospedale, sembra non siano in gravi condizioni”. Lo riferisce all’Adnkronos il sindaco di Marino Carlo Colizza, presente sul posto dove si è verificata l’esplosione. “Vigili del fuoco e soccorritori stanno proseguendo le ricerche di un’altra persona che però sembra non fosse all’interno dell’abitazione”. Il crollo, spiega ancora il sindaco, “poteva essere un disastro, la palazzina è completamente sventrata”. Ad essere coinvolto è un edificio storico, in pieno centro del paese. “Ci stiamo già adoperando per trovare una sistemazione futura per le 4 persone”.

Ti potrebbero interessare anche:

MALAGROTTA/ Marino: mi fido del mio assessore, chiuderà il 30 settembre
Porta Pia, continua presidio movimenti. Tendopoli fino a martedì, deviato traffico
Marino: gli irresponsabili creano disavanzi, il mio percorso è diverso
ANALISI/ Rivoluzione grillina per Roma? La stampa estera ci crede poco
Roma, maxi-stipendi Campidoglio: i dubbi tra i consiglieri M5S
SCUOLA/ Quando “ribbellarsi è giusto”



wordpress stat